Dadò: «Nessun mal di pancia all’interno del partito»

Reazioni

Contrariamente a quanto sta succedendo in casa PLRT, il presidente del PPD cantonale sostiene ci sia unità e difende le scelte fatte malgrado la sconfitta di Lombardi

Dadò: «Nessun mal di pancia all’interno del partito»

Dadò: «Nessun mal di pancia all’interno del partito»

Contrariamente a quanto sembra succedere all’interno del PLR ticinese, dove l’ala radicale chiede le dimissioni della presidenza, il PPD cantonale difende la propria compattezza. A dirlo è il presidente del partito Fiorenzo Dadò ai microfoni di TeleTicino.

«Se ogni volta che ci fosse qualcosa che non va, dovessimo parlare di dimissioni, se ne dovrebbe parlare ogni sei mesi», ha detto Dadò che ricorda inoltre il successo al Nazionale dove i due seggi sono stati confermati.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1

    Tripartita, è scontro sul futuro

    cantone

    A sei mesi dall’applicazione della legge sul salario minimo la Commissione si spacca in due - Per una parte del gremio consultivo, la propria missione va ripensata – A dividere i sindacati e il padronato è la possibilità di continuare a proporre contratti normali di lavoro

  • 2

    Il PLR torna in presenza e lancia l’offensiva

    politica

    Il comitato cantonale riunito a Gordola programma il rilancio del cantone dopo la pandemia - Tra le priorità ci sono il mercato del lavoro, la formazione, ma anche l’ambiente - Il presidente Alessandro Speziali: «Serve il coraggio politico di profilarsi, i nostri intenti devono sfociare in proposte concrete»

  • 3

    Migliorano un po’ le finanze del Cantone

    conti

    Le cifre del preconsuntivo indicano un disavanzo di 175,5 milioni di franchi a fronte de 230,7 milioni previsti - In base all’andamento, l’autofinanziamento negativo si stima potrà essere annullato

  • 4

    Scuola uno, pandemia zero

    cantone

    Malgrado le restrizioni sanitarie l’anno scolastico ticinese si è svolto interamente in presenza - Bertoli: «Una straordinaria normalità raggiunta con lo sforzo di tutti» - Berger: «Abbiamo garantito il mandato formativo ed educativo» - Ora si guarda al rientro

  • 5
  • 1
  • 1