Disordini alla Valascia: scattano le sanzioni

Dopo gli scontri dello scorso gennaio 37 persone sono state oggetto di una misura amministrativa e altre 5, di nazionalità tedesca, saranno oggetto di analoghe misure nelle prossime settimane

Disordini alla Valascia: scattano le sanzioni

Disordini alla Valascia: scattano le sanzioni

AMBRI PIOTTA - A seguito dei disordini scoppiati a margine della partita di hockey tra Ambrì Piotta e Losanna del 14 gennaio 2018, 37 persone sono state oggetto di una sanzione amministrativa come previsto dal Concordato sulle misure contro la violenza in occasione di manifestazioni sportive. Altre 5 persone di nazionalità tedesca saranno oggetto di analoghe misure nelle prossime settimane. A comunicarlo oggi la Polizia cantonale in una nota. 

"Grazie al minuzioso lavoro di inchiesta degli inquirenti - spiega la Polizia cantonale nella nota - sono dunque 42, in totale, le persone appartenenti alla tifoseria locale e a quella losannese identificate e ora sanzionate amministrativamente".

Parallelamente, precisa infine la Polizia, prosegue l'inchiesta penale nei confronti di tutti coloro che hanno partecipato a vario titolo e con varie responsabilità ai disordini: le ipotesi di reato sono quelle di sommossa, violenza contro funzionari, lesioni, vie di fatto, danneggiamento, infrazione alla Legge federale sugli esplosivi, nonché dissimulazione del volto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1
    giustizia

    Le direttive del pg verranno pubblicate

    In futuro, documenti quali istruzioni, regolamenti di servizio e circolari saranno resi accessibili «ponderando gli interessi pubblici e privati» e in base alla competenza discrezionale del Ministero pubblico – Una richiesta in tal senso era stata avanzata in una mozione del PLR

  • 2
    la reazione

    Gobbi: «Avremmo voluto di più»

    Il consigliere di Stato ticinese commenta la decisione di Berna di non estendere l’obbligo del test negativo per chi si muove a cavallo della frontiera

  • 3
    Il caso

    Salario minimo, vertice al DFE con i sindacati

    Una rappresentanza di UNIA e OCST ha incontrato la direzione del Dipartimento: sul tavolo la proposta di creare un fronte unito che coinvolga le parti sociali e che dia una chiara prospettiva sull’applicazione del salario minimo - Christian Vitta: «Si dovrà monitorare che non vi siano derive»

  • 4
    Politica

    «Un Ticino in cui vivere»

    Il Partito socialista ha presentato un piano di rilancio per il cantone, che nel 2030 dovrà essere «più inclusivo, sostenibile e accogliente» - Proposte 24 misure concrete per un costo stimato di 227 milioni di franchi all’anno - Fabrizio Sirica: «Serve una visione sul lungo termine»

  • 5
    Il caso

    Salario minimo e CCL, un groviglio politico

    A una settimana dalla polemica che ha visto al centro l’organizzazione TiSin, sul tavolo ci sono già tre iniziative che mirano a «correggere il tiro» - Ma trovare una maggioranza in Parlamento non sarà facile - Ecco le posizioni dei partiti, tra scetticismo e necessità di trovare una soluzione in tempi rapidi

  • 1