E in casa UDC spunta Gobbi

Visita non propriamente casuale al congresso dell'Unione democratica di centro riunito a Losone - Marchesi: "Il Ticino ha bisogno di più UDC" - Il ritorno de Bala i ratt - FOTO E VIDEO

E in casa UDC spunta Gobbi

E in casa UDC spunta Gobbi

E in casa UDC spunta Gobbi

E in casa UDC spunta Gobbi

E in casa UDC spunta Gobbi

E in casa UDC spunta Gobbi

E in casa UDC spunta Gobbi

E in casa UDC spunta Gobbi

LOSONE - Appuntamento d'inizio campagna elettorale per l'UDC sabato mattina a Losone. E mentre la sala al Centro la torre la sala iniziava a riempirsi, è sbucato anche il consigliere di Stato leghista Norman Gobbi. Una presenza, la sua, non propriamente casuale. Notoriamente tesserato UDC da quando ha tentato la corsa al Consiglio federale, era tra i sostenitori dell'unione tra Lega e UDC fallita poche settimane fa.

Ospite d'onore della giornata è stato invece Oskar Freysinger. A suonare la carica in vista delle elezioni cantonali e della votazione federale sull'iniziativa per l'autodeterminazione sono però stati il presidente Piero Marchesi e il consigliere nazionale Marco Chiesa. "In questo quadriennio il nostro partito ha cambiato marcia e ora, di fronte ai partiti storici senza patriottismo e determinazione, il Ticino ha bisogno di più UDC" ha affermato Marchesi. Per poi preannunciare per il 18 dicembre la presentazione dei cinque candidati al Consiglio di Stato. Da parte sua Chiesa si è soffermato sulla chiamata alle urne del 25 novembre: "Più andiamo avanti più il Paese rischia di perdere la propria sovranità. E ciò poiché qualcuno al di sopra vuole imporci le sue regole. Al contrario è fondamentale far sì che l'ultima parola resti ai cittadini svizzeri".

In vista degli appuntamenti dell'aprile e dell'autunno del 2019 Chiesa ha invece indicato: "Il nostro obiettivo deve essere quello di poter colmare il gap tra i consensi raccolti a livello federale e quelli sul piano cantonale. Ma visto quanto fatto possiamo guardare con occhio benevolo al rinnovo dei poteri cantonali".

Ma a Losone non sono mancate anche le chicche: dai fondi di magazzino è stata ripescata una scatola con dei calepini con l'insegna de Bala i ratt. Ricordate? La campagna provocatoria lanciata in maniera neppure troppo palese quando presidente era Pierre Rusconi. Ora si entra nel vivo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1