Elezioni del sindaco, ecco i risultati negli 11 Comuni dove si votava oggi

Comunali

Alle urne i cittadini di Cadempino, Vezia, Novaggio, Bellinzona, Riviera, Airolo, Lumino, Losone, Lavertezzo, Gordola e Brione sopra Minusio hanno espresso le loro preferenze - Tutti i risultati

Elezioni del sindaco, ecco i risultati negli 11 Comuni dove si votava oggi
© CdT/ Chiara Zocchetti

Elezioni del sindaco, ecco i risultati negli 11 Comuni dove si votava oggi

© CdT/ Chiara Zocchetti

Elezioni del sindaco, ecco i risultati negli 11 Comuni dove si votava oggi
© CdT/ Chiara Zocchetti

Elezioni del sindaco, ecco i risultati negli 11 Comuni dove si votava oggi

© CdT/ Chiara Zocchetti

(Aggiornato) Giornata di elezioni dei sindaci in Ticino. L’attenzione è stata concentrata oggi in particolare a Bellinzona dove il sindaco Mario Branda si è imposto sullo sfidante Simone Gianini (PLR). A Riviera Alberto Pellanda (PLR, sindaco uscente e a interim) è stato confermato alla testa dell’Esecutivo nella sfida contro Ulda Decristophoris (PPD). A Lumino si è imposto Nicolò Parente (PPD) contro Alessandro Spano (PLR, sindaco a interim). Ad Airolo scelta tra Oscar Wolfisberg (PPD, sindaco a interim) e Luca Ceresetti (PLR) è ricaduta sul candidato PPD.

Molto il «movimento» anche nel Locarnese, con quattro sfide. Losone ha scelto Ivan Catarin (PLR, sindaco a interim), anziché Corrado Bianda (PPD, sindaco uscente). A Lavertezzo, ad imporsi contro lo sfidante Roberto Bacciarini (PPD, sindaco uscente) è stata Tamara Bettazza. Gordola: le redini dell’esecutivo sono state assegnate a Damiano Vignuta (PLR e Verdi Liberali, sindaco uscente) sfidato alle urne da René Grossi (PPD-GG-SosteniAMO Gordola). A Brione sopra Minusio Franco Gandin (L’altra Brione e Indipendenti) ha ottenuto la maggioranza dei voti rispetto a Alessandro Bonalumi (PLR, sindaco a interim).

Tre i Comuni che sono andati a votare nel Luganese. A Cadempino la sfida tra Tom Cantamessi (PPD, sindaco a interim) e Juri Bonizzi (PLR e Giovani Verdi Liberali) è stata vinta dal candidato PPD. A Vezia la guida del Municipio è stata affidata dai votanti a Roberto Piva (PLR, sindaco a interim), mentre Bruno Ongaro (Alternativa Popolare Democratica, sindaco uscente) ha ottenuto la minoranza dei voti. A Novaggio il candidato Andrea Pozzi (Spazio Libero-per ambiente e socialità, sindaco a interim) si è imposto su Piergiorgio Morandi (PLR Novaggio-Lista giovani).

Due i ritiri

A Capriasca, lo ricordiamo, Manuel Borla (PLR) ha ritirato la candidatura, motivo per cui è sindaco l’uscente e a interim Andrea Pellegrinelli (PPD).

A Muralto Nguyen-Quang Dao (Muralto Democratica) ha ritirato la candidatura, motivo per cui è sindaco Stefano Gilardi (Ordine Progresso e Indipendenti, sindaco uscente e a interim).

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1

    «No» ai conti o su le tasse, parola all’opposizione

    parlamento

    Il dibattito sul Preventivo 2022 si preannuncia animato e i partiti «minori» propongono diversi emendamenti – L’MPS chiede di aumentare l’imposta sui redditi imponibili e un’indennità per il personale sociosanitario – I Verdi domandano l’attuazione di un Piano climatico

  • 2
  • 3

    Come figli o come «oggetti»?

    Il caso

    Il diritto spagnolo ha compiuto un passo in avanti per quanto riguarda lo statuto degli animali domestici nelle cause di divorzio o separazione di una coppia – Si deciderà del loro futuro considerandone il benessere e valutando le possibilità di mantenimento – E in Svizzera? Come vengono considerati i nostri amici a quattro zampe? Ne abbiamo parlato con l’avvocata Sabrina Aldi

  • 4

    Livelli, sì del Governo alla sperimentazione

    Scuola

    L’Esecutivo propone al Gran Consiglio un emendamento al preventivo per mettere a disposizione 237.000 franchi per la fase di prova del superamento dei corsi A e B in terza media - Dopo due anni la valutazione potrebbe venir condotta da un ente esterno al DECS

  • 5

    «Nessuna motivazione valida per fermare il Rally in Ticino»

    territorio

    Nel rispondere a un’interrogazione firmata da 27 deputati di Verdi, PS, PPD, PLR, Più Donne e Lega il Consiglio di Stato fa notare che «non si intravedono ragioni per un rifiuto di principio alla manifestazione» – Le gare motoristiche sono limitate a un numero massimo di 10 all’anno – I disagi? «Simili a quelli di altri eventi»

  • 1
  • 1