La boule della verità

«Farinelli? Al PLR serve un profilo alternativo»

Il candidato liberale radicale Alessandro Speziali non teme la concorrenza e se potesse lancerebbe un’iniziativa popolare per rimediare allo spirito della LIA - GUARDA IL VIDEO

«Farinelli? Al PLR serve un profilo alternativo»
Alessandro Speziali è candidato al Consiglio di Stato per il PLR. (Foto Putzu)

«Farinelli? Al PLR serve un profilo alternativo»

Alessandro Speziali è candidato al Consiglio di Stato per il PLR. (Foto Putzu)

MUZZANO - Alessandro Speziali si è messo in gioco e la partita del 7 aprile la vuole affrontare a viso aperto. Il candidato al Governo del PLR non vacilla dunque di fronte alla boule della verità del Corriere del Ticino. Nemmeno quando si tratta di rispondere alle domande scomode. Gli si chiede se dietro ad Alex Farinelli ci sia il vuoto e lui risponde: «Lui è forte, ma il PLR necessita di un profilo alternativo». Sull’accordo quadro ritiene «sacrificabile» la regola degli 8 giorni mentre alla testa del Dipartimento del territorio avrebbe già pronto un tris di interventi.

I DIPARTIMENTI

Loading the player...

Se fosse eletto e le venisse attribuito il Dipartimento del territorio, quale sarebbe il suo primo provvedimento e perché?

Alessandro Speziali al posto di Claudio Zali non resterebbe con le mani in mano: «Punterei a due misure, oltre al completamento a sud di AlpTransit. Da un lato un credito per pianificare e capire quanto costa la copertura dell’A2 in zona Mendrisio, dall’altro, attraverso a un’intesa con i Comuni italiani e Berna, mirerei alla costruzione di nuovi Park and Rail lungo il confine».

I CONSIGLIERI DI STATO USCENTI

Loading the player...

Se dovesse muovere una critica al consigliere di Stato uscente Claudio Zali quale sarebbe e su quale dossier?

La boule non è sazia e torna a sollecitare il candidato del PLR sul consigliere di Stato leghista: «Di Claudio Zali in qualche modo premio il coraggio e la nitidezza con i quali dice le cose. In una democrazia partecipativa, un po’ meno di atteggiamento da giudice affermato e un po’ più di politica, intesa come assorbimento delle critiche e dei pareri altrui, porterebbe però a un’azione più efficace e meno soggetta a ricorsi».

I DOSSIER DI PESO

Loading the player...

Qual è la sua posizione sull’accordo quadro con l’UE e in merito all’iniziativa per abolire la libera circolazione?

Il PLR e i rapporti con l’UE. Come si schiera Speziali?: «La Svizzera gli Accordi bilaterali li ha bisogno, nell’interesse di tutto il Paese al quale il Ticino appartiene. L’accordo quadro? Se la regola degli 8 giorni per la notifica delle imprese estere è tutto sommato sacrificabile, sui controlli per il rispetto delle misure di accompagnamento non bisogna cedere di un centimetro».

Qual è la sua posizione sugli smartphone a scuola e quale la sua soluzione?

Ecco la scuola. Il nostro intervistato non ritiene intelligente «tagliarci quella che è ormai diventata la nostra terza mano». La soluzione, rileva, «passa dalla scuola e della sua capacità di essere critica verso le nuove tecnologie. Non vietando questi dispositivi, ma educando gli allievi al loro corretto utilizzo».

LE DOMANDE SCOMODE

Loading the player...

In prima fila nei casi Argo 1 e dello stabile eVita vi sono dei funzionari e dei politici targati PLR. Non state cercando di distogliere l’attenzione da questo aspetto?

Anche il PLR è stato scosso da alcune vicende e comportamenti poco chiari. Per Alessandro Speziali però «di Argo1 non se ne può più sentire parlare e dunque, trovati i correttivi necessari, serve guardare avanti». E lo stabile eVita. Sentite il candidato del PLR: «In fondo è normale che chi siede in Parlamento abbia anche degli interessi in gioco essendo un politico di milizia».

Chi afferma che il solo Alex Farinelli ha qualche chance di portare al PLR il secondo seggio, dice una bugia o una mezza verità?

Speziali riconosce i meriti del collega di lista ma non si tira indietro: « Alex è forte, capillare e in questa campagna me ne sono accorto. Giro però la domanda: cosa ci fa il sottoscritto in lista? Mi piace la politica e ritengo che il PLR necessiti di un profilo alternativo, complementare e meno istituzionale degli altri».

LE DOMANDE CURIOSE

Loading the player...

Ha la bacchetta magica: può concretizzare una di queste grandi opere nel giro di un anno: collegamento A2-A13, circonvallazione di Agno, copertura dell’A2 ad Airolo, terza corsia sull’A2 tra Maroggia e Mendrisio. Per quale ragione?

Si conclude in leggerezza e il locarnese Alessandro Speziali sta al gioco: «Non posso che dire il collegamento veloce tra l’A2 e l’A13. Anche perché se no stasera quando torno a casa vengo linciato. Talmente costa e talmente lo aspettiamo che per il progetto davvero la bacchetta magica potrebbe rendersi necessaria».

Se potesse, quale iniziativa popolare lancerebbe domani e per quale ragione?

Idee in chiaro anche sul finale per il candidato del PLR: «Mi piacerebbe, a tutela del mercato del lavoro, lanciare una raccolta firme con la quale si riesca a rimediare allo spirito della Legge sulle imprese artigianali».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Politica
  • 1