I radicali chiedono le dimissioni dei vertici del PLRT

Reazioni

Non si sono fatte attendere le prime considerazioni dopo il risultato alle urne di oggi al secondo turno delle elezioni federale che ha segnato l’uscita del PLRT dal Consiglio degli Stati

I radicali chiedono le dimissioni dei vertici del PLRT
©CdT/Chiara Zocchetti

I radicali chiedono le dimissioni dei vertici del PLRT

©CdT/Chiara Zocchetti

L’ala radicale del partito reagisce immediatamente al risultato che vede vincitori Marco Chiesa e Marina Carobbio alle elezioni alla Camera dei Cantoni. E lo fa chiedendo le dimissioni dell’ufficio presidenziale del PLRT.

In un comunicato a nome dei radicali, Matteo Quadranti scrive: «L’apporto dei radicali alla campagna elettorale a sostegno di Merlini è stato garantito e più volte pubblicamente manifestato. Il risultato della votazione è la palese dimostrazione che la dirigenza del PLRT, ritenendo di poter ignorare l’opinione della base del partito ha sacrificato, in modo spregiudicato, una personalità politica di notevole spessore quale Merlini sull’altare di speculazioni, improvvisazioni e alleanze poco approfondite. Inoltre, l’esito della votazione ha portato il PLRT alla perdita dello storico seggio agli Stati.

I Radicali chiedono che i membri dell’Ufficio presidenziale del PLRT rassegnino le dimissioni con effetto immediato. Il partito necessita ora di un profondo esame al suo interno e la linea politica a livello cantonale dev’essere rivista. L’azione del PLRT dovrà essere, in futuro, più rispettosa dei propri valori e delle diverse sensibilità che devono essere rappresentate in tutti i gremi del partito. Anche con tutte le altre forze politiche presenti nel panorama ticinese sarà indispensabile tessere delle intese nell’interesse superiore del Paese, che è poi ciò che il PLR, nella sua lunga storia quale partito interclassista, dovrebbe avere sempre come primo obiettivo».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1

    Tripartita, è scontro sul futuro

    cantone

    A sei mesi dall’applicazione della legge sul salario minimo la Commissione si spacca in due - Per una parte del gremio consultivo, la propria missione va ripensata – A dividere i sindacati e il padronato è la possibilità di continuare a proporre contratti normali di lavoro

  • 2

    Il PLR torna in presenza e lancia l’offensiva

    politica

    Il comitato cantonale riunito a Gordola programma il rilancio del cantone dopo la pandemia - Tra le priorità ci sono il mercato del lavoro, la formazione, ma anche l’ambiente - Il presidente Alessandro Speziali: «Serve il coraggio politico di profilarsi, i nostri intenti devono sfociare in proposte concrete»

  • 3

    Migliorano un po’ le finanze del Cantone

    conti

    Le cifre del preconsuntivo indicano un disavanzo di 175,5 milioni di franchi a fronte de 230,7 milioni previsti - In base all’andamento, l’autofinanziamento negativo si stima potrà essere annullato

  • 4

    Scuola uno, pandemia zero

    cantone

    Malgrado le restrizioni sanitarie l’anno scolastico ticinese si è svolto interamente in presenza - Bertoli: «Una straordinaria normalità raggiunta con lo sforzo di tutti» - Berger: «Abbiamo garantito il mandato formativo ed educativo» - Ora si guarda al rientro

  • 5
  • 1
  • 1