Il Governo tende la mano ai disabili

Inclusione

Il Consiglio di Stato ha approvato la nuova Pianificazione cantonale per il quadriennio 2019-2022 delle strutture e dei servizi per gli invalidi adulti - Previsti 160 nuovi posti e maggiori finanziamenti

Il Governo tende la mano ai disabili
© Shutterstock

Il Governo tende la mano ai disabili

© Shutterstock

Più soldi e più posti a favore dei disabili. È quanto previsto dalla nuova Pianificazione 2019-2022 delle strutture e dei servizi per invalidi adulti approvata dal Consiglio di Stato nella seduta del 6 novembre.

Nello specifico, sul territorio ticinese verranno realizzati 160 nuovi posti per invalidi adulti suddivisi in 70 con presa in carico diurna, 10 con presa in carico notturna e 80 con presa a carico completa, per un totale di 3,6 milioni nel 2020, 2 milioni nel 2021 e 3,5 milioni nel 2022. «Il fabbisogno di 160 posti – si legge nel comunicato del Dipartimento della sanità e della socialità - è stato determinato da diversi indicatori complementari, come le liste d’attesa, posti liberi nelle strutture, giovani che terminano la scuola speciale e invecchiamento dell’utenza».

Nei prossimi anni, infatti, la Pianificazione cantonale e di conseguenza il DSS «intende prestare particolare attenzione alle problematiche dell’invecchiamento delle persone con disabilita, dare risposte alla sfida dell’autismo e accentuare lo sforzo in favore dei familiari curanti attraverso la promozione di progetti ad hoc e lo sviluppo di posti di soggiorno temporaneo».

Il consigliere di Stato e responsabile del DSS Raffaele De Rosa ha affermato: «La Pianificazione è uno strumento essenziale e fondamentale che permette di gettare le basi per interventi durante il quadriennio. Ma allo stesso tempo deve essere uno strumento flessibile e dinamico che non ingessi gli orientamenti, anche perché siamo di fronte a un settore dove i bisogni evolvono rapidamente».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 2
  • 3

    Salario minimo, le reazioni dei partiti

    Verdi

    L’assemblea di ieri chiede al gruppo parlamentare di correggere la rotta e vincolare l’entrata in vigore della misura - Ivo Durisch: «Sosterremo questo passo» - Michele Guerra: «Sarebbe stato meglio formularlo prima» - Fiorenzo Dadò: «Capisco il passo per il quieto vivere degli ecologisti»

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1