Il risanamento della Cassa pensioni divide la politica

le reazioni

L’intervento da mezzo miliardo deciso dal Consiglio di Stato non convince tutti i partiti - La Lega non esclude il referendum

Il risanamento della Cassa pensioni divide la politica
© CdT/Archivio

Il risanamento della Cassa pensioni divide la politica

© CdT/Archivio

Il Consiglio di Stato ha dato luce verde a un contributo integrativo di 500 milioni di franchi per la copertura del costo supplementare delle garanzie di pensione per gli assicurati con più di 50 anni affiliati all’Istituto di Previdenza del Cantone Ticino (IPCT). Si tratta di un’operazione, presentata dal Governo come un «contributo supplementare all’operazione di qualche anno fa per la Cassa pensioni» (vedi articolo suggerito), che si è resa necessaria a pochi anni dal piano di risanamento del 2012 di 450 milioni di franchi.

Il direttore del Dipartimento delle finanze e dell’economia Christian Vitta spiega così questa nuova necessità: «Innanzitutto tengo a precisare che questo contributo è un finanziamento supplementare al piano di risanamento del 2013 e non un nuovo piano a sé stante. Si...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Nico Nonella
Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 1