L’imposta di circolazione non cambia

TICINO

La nuova formula di calcolo, approvata dal Governo nel maggio dello scorso anno, è ancora al vaglio del Parlamento - La fattura potrà essere pagata entro il 1. marzo e sarà analoga a quella del 2019

L’imposta di circolazione non cambia
© CdT/Gabriele Putzu

L’imposta di circolazione non cambia

© CdT/Gabriele Putzu

Nei prossimi giorni chi ha un’auto immatricolata riceverà a casa la fattura dell’imposta di circolazione 2020. La fattura potrà essere pagata entro il 1. marzo 2020 e sarà analoga a quella del 2019. L’imposta di circolazione di base non è infatti stata modificata. La nuova formula di calcolo, approvata dal Governo nel maggio dello scorso anno, è infatti ancora al vaglio del Parlamento e «si prefigge di allineare le imposte di circolazione richieste in Ticino alla media nazionale, seguendo i principi di sostenibilità ambientale e di copertura dei costi dell’infrastruttura stradale».

Per il 2020 il totale fatturato dal Cantone per le varie imposte di circolazione ammonterà a 132,8 milioni di franchi – importo identico al 2019 – ai quali si aggiungono circa 3,5 milioni per le imposte di navigazione. Con riferimento unicamente alle 226.020 automobili immatricolate (nel 2018 erano 225.883) l’ammontare dell’imposta di circolazione 2020 fatturato sarà di 104,8 milioni di franchi, leggermente inferiore al gettito del 2019 (105,1 milioni). Al 31 dicembre 2019 l’intero parco veicoli si attesta a ben 322.841 unità.

Come detto, l’imposta di circolazione 2020 delle automobili non ha subito modifiche rispetto a quella del 2019, così come i coefficienti bonus-malus, a dipendenza dell’emissione di CO2 dei veicoli immatricolati per la prima volta dopo il 1. gennaio 2009. Tali coefficienti sono stati riconfermati, permettendo di mantenere la riduzione complessiva del gettito di oltre 5 milioni di franchi rispetto al 2018.

Sul sito web della Sezione della circolazione è possibile calcolare l’ammontare della propria imposta di circolazione utilizzando il calcolatore online. Per il pagamento dell’’imposta - da saldare entro il 1. marzo 2020 – vi è la possibilità di usufruire della procedura elettronica (e-fattura), mentre nella busta contenente la fattura che sarà recapitata nei prossimi giorni ai detentori di un veicolo sarà pure allegato l’abituale volantino informativo, quest’anno intitolato «117, e la Polizia c’è!» a firma del Direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi.

Loading the player...
Il servizio di TeleTicino
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Red. Online
Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 1