L’Ufficio presidenziale del Parlamento scrive a Berna

coronavirus

Nella missiva si chiede «un fermo sostegno nei confronti della misura adottata dal Consiglio di Stato» e di non penalizzare le aziende e i lavoratori ticinesi

L’Ufficio presidenziale del Parlamento scrive a Berna
© CdT/ Chiara Zocchetti

L’Ufficio presidenziale del Parlamento scrive a Berna

© CdT/ Chiara Zocchetti

L’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio ha scritto oggi al Consiglio federale manifestando, all’unanimità, il proprio sostegno a favore dell’attività sinora svolta dal Consiglio di Stato ticinese nel contesto della crisi pandemica che ha colpito il nostro Paese e in modo particolarmente grave il Ticino.

Nella missiva, si legge nella nota, si chiede «un fermo sostegno nei confronti della recente misura adottata dal Consiglio di Stato, intesa a confermare la chiusura di tutte le attività commerciali e produttive private non indispensabili».

L’Ufficio presidenziale ha «altresì chiesto al Consiglio federale di non penalizzare ulteriormente le aziende e i lavoratori Ticinesi - già profondamente provati dalla crisi sanitaria - nel regolare accesso agli strumenti federali di sostegno all’economia».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1

    Attività e cantieri in Ticino restano chiusi

    pandemia

    Potranno riaprire solo le aziende che otterranno un’autorizzazione dallo Stato Maggiore di condotta cantonale - Prolungato anche lo stato di necessità e il divieto di andare a fare la spesa per gli over 65

  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

    Circa 15-20 ricoveri al giorno e 5 in terapia intensiva

    Ticino

    Merlani: «Il paziente ricoverato più giovane ha 38 anni, il più anziano 91, mentre il più giovane in terapia intensiva ne ha 40 e il più anziano 82; ci sono stati due decessi sotto i 65 anni» - Vitta: «Le parole di Berna ci hanno feriti, non accetteremo atteggiamenti ricattatori» - IL VIDEO

  • 1
  • 1