«La coesione e l’equilibrio sono paganti»

l’intervista

Il direttore del DFE Christian Vitta dopo il fallimento del referendum promosso dal fronte rossoverde e la conseguente entrata in vigore della riforma fiscale

«La coesione e l’equilibrio sono paganti»
© CdT/Putzu

«La coesione e l’equilibrio sono paganti»

© CdT/Putzu

Ora è ufficiale. La riforma fiscale cantonale approvata dal Gran Consiglio lo scorso 4 novembre è entrata in vigore (con effetto retroattivo) il primo gennaio di quest’anno. La Cancelleria dello Stato ha infatti confermato che la raccolta firme per il referendum contro gli sgravi fiscali, promossa dal fronte rossoverde, non è riuscita ad ottenere le 7.000 sottoscrizioni necessarie.

Christian Vitta, il fallimento del referendum è uno scenario che aveva messo in linea di conto, oppure è una sorpresa? «Questo risultato non era scontato e facilmente prevedibile, ritenuto che i temi fiscali sono da sempre oggetto di dibattito acceso».

Dallo scorso luglio, quando avete presentato il progetto, si attendeva lo scontro finale alle urne. Oggi questo importante tassello della politica cantonale può entrare...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Gianni Righinetti
Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 1