La pioggia dà tregua, ma torna nel pomeriggio

Le precipitazioni saranno decisamente meno intense rispetto agli scorsi giorni - Si attendono però importanti nevicate in montagna nell'Alto Ticino - Miglioramenti da venerdì

La pioggia dà tregua, ma torna nel pomeriggio
La cascata Piumogna in piena dopo le forti precipitazioni degli ultimi giorni (30 ottobre)

La pioggia dà tregua, ma torna nel pomeriggio

La cascata Piumogna in piena dopo le forti precipitazioni degli ultimi giorni (30 ottobre)

BELLINZONA - Dopo le intense precipitazioni degli scorsi giorni finalmente un po' di tregua. A sud delle Alpi, infatti, le piogge sono nettamente diminuite già martedì. Tuttavia questo pomeriggio, come riporta MeteoSvizzera, la corrente sopra le Alpi, dopo una temporanea attenuazione, si rafforzerà nuovamente e determinerà una situazione di sbarramento a sud delle Alpi fino a giovedì. 

Fortunatamente le precipitazioni oggi, che dovrebbero iniziare verso le 17, non saranno così importanti in Ticino come quelle avvenute negli scorsi giorni. Tuttavia si attendono nevicate importanti in montagna. In particolare nell'Alto Ticino (Alta Vallemaggia e Leventina) dove il limite delle nevicate si situerà intorno ai 1500 metri, e si attendono 60-80 centimentri di neve. Nella notte su giovedì - durante la fase più intensa dell'evento - il limite delle nevicate potrà scendere localmente fino a 1200 metri.

Le previsioniAnche giovedì è previsto tempo coperto e piovoso, con temperature minime intorno ai 9 gradi. A partire da venerdì la situazione dovrebbe poi definitivamente migliorare con qualche debole precipitazione alternata a schiarite e tempo parzialmente soleggiato nella giornata di sabato. 

I corsi d'acquaStando al bollettino dei pericoli naturali della Confederazione aggiornato stamane, le portate dei fiumi Maggia e Ticino sono in forte calo da martedì mattina. I livelli in calo registrati mercoledì mattina in entrambi i fiumi erano nettamente al di sotto del grado di pericolo 2. I livelli del Lago Maggiore e del Lago di Lugano sono saliti in misura considerevole ancora fino a martedì sera, ma da allora non è più stato constatato alcun aumento. Entrambi i laghi hanno solo sfiorato la soglia del grado di pericolo 2.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1