La presidenza del PS tra tandem e solitari

Verso il congresso

Fabrizio Sirica e Laura Riget puntano alla co-conduzione - Evaristo Roncelli cerca una compagna del partito per lanciarsi nella mischia - Amalia Mirante sta valutando e dice: «Una donna può stare al vertice anche da sola»

La presidenza del PS tra tandem e solitari
© CdT/Archivio

La presidenza del PS tra tandem e solitari

© CdT/Archivio

Le vacanze sono ormai alle spalle e nel Partito socialista sale le tensione in vista di domenica 16 febbraio, il giorno in cui il congresso sarà chiamato ad eleggere il successore (o i successori) di Igor Righini che ha deciso di non sollecitare un nuovo mandato quadriennale. Le candidature andranno presentate entro e non oltre il 26 gennaio allo stesso Righini, ma già prima delle feste natalizie i primi nomi hanno iniziato a circolare. A dirsi «interessati» erano stati il vicepresidente Fabrizio Sirica, la parlamentare Laura Riget, Evaristo Roncelli (già presidente del Comitato cantonale) e Adriano Venuti, membro di direzione e municipale a Massagno. Ma ci sono almeno altre due donne che stanno valutando cosa fare e una è Amalia Mirante, già candidata al Governo nel 2015 e nella primavera...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 1