«La spesa in Italia soltanto con il pass»

il decodificatore

Nel rispondere alla consultazione sui provvedimenti per i non vaccinati che arrivano o tornano dall’estero il Cantone ha avanzato alcune proposte, tra cui l’obbligo di quarantena solo per chi proviene da Paesi a rischio – Per il Consiglio di Stato, inoltre, chi rientra in Ticino dopo aver fatto acquisti in Italia dovrà presentare il pass COVID – La decisione finale del Consiglio federale è attesa nella giornata di venerdì

«La spesa in Italia soltanto con il pass»
© CdT/Gabriele Putzu

«La spesa in Italia soltanto con il pass»

© CdT/Gabriele Putzu

Il Consiglio di Stato ieri ha risposto alla consultazione di Berna sui provvedimenti per i non vaccinati che arrivano o fanno rientro dall’estero. Dopo aver sentito i Cantoni, il Consiglio federale deciderà venerdì come procedere. Ecco la posizione del Governo ticinese.

1. Quante sono le proposte avanzate da Berna e cosa prevedono? Sono due, volute per limitare la circolazione del virus e delle sue varianti. La prima opzione prevede che le persone non vaccinate e non guarite che entrano in Svizzera - indipendentemente dalla loro provenienza - debbano presentare un test negativo all’ingresso. In seguito, dai 4 ai 7 giorni dopo l’arrivo nella Confederazione, dovranno effettuare un altro test (a loro spese). La seconda proposta, oltre a presentare un test negativo all’ingresso nel Paese, prevede...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1

    È subito duello sui conti del Cantone

    Preventivo 2022

    Il Parlamento si spacca in due sul risanamento delle finanze - Fiorenzo Dadò: «La manovra è un compito dell’Esecutivo» - Christian Vitta: «Abbiamo seguito le indicazioni del Legislativo» - Ivo Durisch: «Una situazione causata dagli sgravi fiscali»

  • 2

    Ex funzionario, sì unanime all’audit esterno

    il caso

    Approvata la soluzione di compromesso della Gestione: sarà un ente esterno con poteri accresciuti a fare chiarezza sulla vicenda - Manuele Bertoli: «Attendiamo serenamente i risultati» - Alessandra Gianella: «Soluzione equilibrata» - Fiorenzo Dadò: «Inderogabile trattare la tematica»

  • 3
  • 4
  • 5

    «No» ai conti o su le tasse, parola all’opposizione

    parlamento

    Il dibattito sul Preventivo 2022 si preannuncia animato e i partiti «minori» propongono diversi emendamenti – L’MPS chiede di aumentare l’imposta sui redditi imponibili e un’indennità per il personale sociosanitario – I Verdi domandano l’attuazione di un Piano climatico

  • 1
  • 1