«Lo spoglio potrebbe essere più lento»

elezioni comunali

È quanto ha comunicato il presidente del Governo Norman Gobbi rispondendo a un’interpellanza Per limitare il numero di persone al lavoro vista l’emergenza coronavirus la procedura potrebbe subire dei ritardi

«Lo spoglio potrebbe essere più lento»
© CdT/Archivio

«Lo spoglio potrebbe essere più lento»

© CdT/Archivio

Aggiunta di spazi per garantire il mantenimento della distanza, ma anche uno spoglio delle schede più lento, vista la necessità di limitare il numero di persone al lavoro. Ecco come il Consiglio di Stato si sta preparando alle prossime elezioni comunali, in agenda il prossimo 18 aprile. Come ha riferito il presidente del Governo Norman Gobbi rispondendo in aula a un’interpellanza di Tamara Merlo (Più Donne), «con la pandemia è verosimile che aumenterà la quota dei voti per corrispondenza». Questo comporterà un numero inferiore di elettori che si recheranno di persona al seggio. Ai Comuni - ha quindi chiarito Gobbi - spetterà però sorvegliare il mantenimento della distanza di sicurezza. Inoltre, è stato spiegato, «dovrà essere garantito un numero sufficiente di persone per far fronte a eventuali quarantene dei membri degli uffici elettorali o dei funzionari comunali». Ma non è tutto, perché «a dipendenza della situazione pandemica» lo spoglio potrebbe essere più lento rispetto a quello a cui siamo abituati, con i risultati degli Esecutivi comunicati già nella giornata di domenica. «Questo per la necessità di limitare il numero di persone impiegate». Preoccupa - ha ammesso Gobbi - anche la partecipazione degli elettori: «Stiamo valutando quali attività comunicative possiamo fare per stimolare l’attenzione dei cittadini su un momento istituzionalmente importante come il rinnovo delle cariche comunali».

Rispondendo all’altra parte dell’interrogazione, che chiedeva al Governo di predisporre una piattaforma su cui trovare le informazioni necessarie per gli elettori e l’invio a tutti i fuochi dei volantini delle varie liste, Gobbi ha spiegato che né l’una né l’altra cosa sono al vaglio del Governo. «Il Cantone e i Comuni si occupano delle comunicazioni verso i cittadini per le elezioni comunali, mentre non è compito delle autorità partecipare o sostenere la campagna elettorale dei candidati», è stato evidenziato. Inoltre, «le informazioni su liste e candidati figurano nel materiale di voto, mentre la propaganda elettorale è compito dei partecipanti alle elezioni». «Siamo consapevoli della particolarità della situazione - ha aggiunto Gobbi - e per permettere ai gruppi politici e ai Comuni di organizzarsi è stata fissata la data del voto con anticipo». Tuttavia, ha concluso, «rimane compito dei candidati impostare la campagna elettorale, anche tenendo conto del contesto».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1

    Il PPD annuncia battaglia: «Non possiamo più tacere»

    politica

    Giustizia, casse malati e finanze pubbliche al centro del comitato cantonale, per la prima volta online - Il presidente: «Ci sono situazioni che vanno affrontate» - Triplice sì in vista della votazione popolare del 7 marzo

  • 2
  • 3

    88 Comuni verso il rinnovo dei poteri

    verso il 18 aprile

    Elezioni tacite del Municipio in 4 località e del Consiglio comunale in 3 - Nella Val Mara le elezioni averranno in forma differita

  • 4

    «Berna dia un contributo agli ospedali in difficoltà»

    Politica

    Approvata dal Gran Consiglio l’iniziativa cantonale che chiede un intervento adeguato da parte della Confederazione - Berna è chiamata a sostenere le strutture sanitarie che hanno registrato perdite a seguito della pandemia e delle misure prese per contenerla

  • 5
  • 1
  • 1