MPS-POP e indipendenti uniti per le cantonali

Presentata questa mattina a Bellinzona la lista per le prossime elezioni - Per il CdS ci saranno: Matteo Pronzini, Angelica Lepori, Leonardo Schmid, Claudia Leu e Simona Arigoni

MPS-POP e indipendenti uniti per le cantonali
Matteo Pronzini durante una manifestazione a Bellinzona (2017) - Immagine d'archivio

MPS-POP e indipendenti uniti per le cantonali

Matteo Pronzini durante una manifestazione a Bellinzona (2017) - Immagine d'archivio

BELLINZONA - La sinistra a sinistra del PS scende in campo unita per le elezioni cantonali 2019. Questa mattina durante la conferenza cantonale al liceo di Bellinzona, MPS-POP e indipendenti hanno infatti annunciato di voler "dar vita a una lista sia per l'elezione del Consiglio di Stato che per il Gran Consiglio". La lista per il CdS, definita "anticapitalista, femminista ed ecosocialista", sarà composta da Matteo Pronzini, Angelica Lepori, Leonardo Schmid, Claudia Leu e Simona Arigoni.

Innanzitutto, si legge nel documento di presentazione, è una lista presentata per "dare voce e visibilità a tutte quelle forme di opposizione sociale che in questi ultimi anni si sono manifestate: dalle mobilitazioni sociali contro le politiche del governo e del padronato, alle mobilitazioni delle donne contro sfruttamento, discriminazioni e violenze, a quelle in difesa dei diritti democratici, contro la xenofobia e il razzismo". 

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1
    ticino

    Scuola, si torna in classe

    Il Consiglio di Stato ha deciso che dal 31 agosto le lezioni saranno in presenza - Mascherina sconsigliata per asilo ed elementari, facoltativa per medie e superiori - Merlani: «La metà dei nuovi contagi dopo un viaggio all’estero»

  • 2
    giustizia

    Espulsioni obbligatorie, il Ticino è sotto la media nazionale

    Lo scorso anno in Svizzera quelle previste dal Codice penale sono state pronunciate nel 57,5% dei casi - A Sud delle Alpi questo avviene in poco più della metà delle condanne inflitte agli stranieri – Ma le cifre non convincono i procuratori

  • 3
  • 4
  • 5
    fiscalità

    Frontalieri, «l’accordo può essere disdetto»

    Lo stabilisce il parere legale commissionato dal Consiglio di Stato all’Università di Lucerna – Un’uscita unilaterale dall’intesa è possibile ma andrebbe accompagnata da una rescissione parziale della Convenzione sulla doppia imposizione – Le conclusioni sono state inviate al Consiglio federale

  • 1