Niente più agenti al WEF? «No, è contro il federalismo»

politica

Lunedì il Gran Consiglio si esprimerà sulla presenza di poliziotti ticinesi al Forum economico di Davos – L’MPS chiede di rinunciare al loro impiego ma la maggioranza della Gestione si è espressa a favore del concordato intercantonale – Un tentativo simile era già stato fatto nel 2004

Niente più agenti al WEF? «No, è contro il federalismo»
© Polizia cantonale/Patrick Pescia

Niente più agenti al WEF? «No, è contro il federalismo»

© Polizia cantonale/Patrick Pescia

Gli agenti di polizia ticinesi devono continuare a prestare servizio al WEF di Davos così come ad altri eventi internazionali sul suolo elvetico. Ne è convinta la maggioranza della Commissione gestione finanze, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione del 20 gennaio 2020 dell’MPS che chiede la fine dell’impiego di poliziotti ticinesi al Forum economico e «a eventi che raggruppano persone, organizzazioni o Stati che non rispettano, con le loro attività politiche o economiche» diversi «postulati fissati nella Costituzione cantonale» (tutela della dignità umana, uguaglianza, diritti individuali, inviolabilità della libertà personale, diritti sociali). Ebbene, la maggioranza della Gestione ha sottoscritto il rapporto di Bixio Caprara (PLR) che propone di respingere la mozione in quanto...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1

    CCL e salario minimo, ecco l’offensiva del PS

    politica

    Il Partito socialista lancerà un’iniziativa popolare costituzionale per fissare una nuova retribuzione di almeno 21,50 franchi all’ora e presenterà due atti parlamentari per abolire le eccezioni previste per i contratti collettivi - Mercoledì la direzione deciderà cosa fare sui tagli alla spesa

  • 2
  • 3
  • 4

    Più qualità per i nidi d’infanzia

    Gran Consiglio

    Luce verde al controprogetto all’iniziativa che otto anni fa raccolse in Ticino oltre 9 mila firme - Maristella Polli: «Migliorerà la conciliabilità lavoro-famiglia» - Raoul Ghisletta: «La professione diventa più attrattiva»

  • 5

    Stanziati 42 milioni per il turismo ticinese

    politica

    Via libera del Governo a 18 milioni per il sostegno a investimenti e attività per il quadriennio 2022-2025 e a 24 milioni per il finanziamento della promozione da parte dell’ATT – Stefano Rizzi: «È un importante effetto leva» – Proposte tre modifiche alla Legge sul turismo

  • 1
  • 1