Nomina alla Divisione giustizia, botta e risposta tra Gobbi e Pronzini

gran consiglio

La discussione si è animata durante la risposta data dal direttore del DI a un’interpellanza dell’MPS: «Tutto conforme alla legge»

Nomina alla Divisione giustizia, botta e risposta tra Gobbi e Pronzini
© CdT/Archivio

Nomina alla Divisione giustizia, botta e risposta tra Gobbi e Pronzini

© CdT/Archivio

Durante l’odierna seduta di Gran Consiglio non è mancato un botta e risposta tra il deputato MPS Matteo Pronzini e il consigliere di Stato Norman Gobbi. La discussione si è animata durante la risposta data dal direttore delle Istituzioni a un’interpellanza dell’MPS sulla nomina della aggiunta alla direttrice della Divisione della giustizia.

Nell’atto parlamentare, inoltrato proprio stamani, l’MPS evidenziava in particolare l’annullamento del concorso, avvenuto lo scorso luglio, e la successiva nomina di una figura che «non dispone del brevetto di avvocato», ovvero una delle condizioni richieste dal bando.

Il direttore del Dipartimento delle istituzioni ha spiegato che l’annullamento è stato proposto dalla direttrice della Divisione in quanto tra le 22 persone che si erano candidate «non è stata trovata una figura idonea». La direttrice - ha affermato Gobbi - ha optato «per dei requisiti non giuridici per far fronte alle esigenze della Divisione». Pertanto, «il Consiglio di Stato ritiene che il profilo scelto sia adatto» e non darà seguito alla richiesta dell’MPS di annullare la suddetta nomina.

La risposta non ha convinto l’interpellante: «Ci state prendendo per i fondelli», ha tuonato in aula. Dal canto suo, il direttore delle Istituzioni ha ribadito che «la nomina è conforme alla legge».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 1