Norman Gobbi ha ripreso il tour nei comuni

Istituzioni

Il consigliere di Stato ha incontrato martedì i Municipi di Brusino Arsizio, Riva San Vitale e Arogno - Le visite continueranno la prossima settimana

Norman Gobbi ha ripreso il tour nei comuni
©Cancelleria dello Stato

Norman Gobbi ha ripreso il tour nei comuni

©Cancelleria dello Stato

Norman Gobbi ha ripreso il tour nei comuni

Norman Gobbi ha ripreso il tour nei comuni

Norman Gobbi ha ripreso il tour nei comuni

Norman Gobbi ha ripreso il tour nei comuni

Norman Gobbi ha ripreso il tour nei comuni

Norman Gobbi ha ripreso il tour nei comuni

Dopo la pausa dettata dall’emergenza sanitaria, il Direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi ha ripreso le visite nei Comuni. All’ordine del giorno del quarto ciclo di incontri vi sono i principali cantieri che toccano gli enti locali da vicino: il funzionamento del Comune, con un chiaro riferimento al buon governo, le aggregazioni e la riforma dei compiti e dei flussi finanziari. Nella prima giornata, martedì 30 novembre, sono stati incontrati i Municipi di Brusino Arsizio, Riva San Vitale e Arogno. Il Consigliere di Stato, accompagnato dal Capo della Sezione degli enti locali Marzio Della Santa e dall’Ispettore comunale Alan Lancetti, ha evidenziato in apertura di tutti e tre i momenti che l’obiettivo di queste giornate è quello di «rafforzare la collaborazione tra Cantone e Comuni partendo da un dialogo diretto e trasparente e l’inizio della nuova legislatura comunale è un momento propizio per farlo, instaurando da subito un rapporto di fiducia con le nuove compagini municipali». Marzio Della Santa ha da parte sua sottolineato che «gli incontri con i Comuni sono un tassello dei tanti progetti in cantiere che consentiranno di definire insieme agli enti locali il ruolo e la missione del Comune di domani».

Nel corso del primo incontro, il Municipio di Brusino ha posto l’accento sulla propria autonomia comunale che consente a questa realtà di garantire una buona qualità di vita residenziale ai propri cittadini. Il Municipio di Riva San Vitale ha in seguito evidenziato l’ottima rete di associazioni presente sul proprio territorio che assicura vitalità al Comune. Inoltre, una delle caratteristiche del borgo sul lago è anche l’interesse della cittadinanza a partecipare alla vita istituzionale del Comune. Infine, il Municipio di Arogno ha riconosciuto l’importanza di stimolare i propri cittadini coinvolgendoli attivamente sui temi istituzionali: grazie a una cittadinanza attiva e partecipe i progetti comunali vengono percepiti positivamente e compresi, quindi anche accettati.

La visita del Consigliere di Stato è stata salutata con entusiasmo da tutti e tre gli Esecutivi che in particolare hanno apprezzato il dialogo franco e diretto che si è instaurato in un clima disteso e informale sottolineando l’apprezzata vicinanza del Cantone ai Comuni nel corso dell’emergenza sanitaria. Le visite proseguiranno lunedì 6 dicembre quando in agenda sono previsti gli appuntamenti con i Municipi di Maggia, di Cevio e della Val Rovana.

©Cancelleria dello Stato
©Cancelleria dello Stato
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1

    «Nessuna motivazione valida per fermare il Rally in Ticino»

    territorio

    Nel rispondere a un’interrogazione firmata da 27 deputati di Verdi, PS, PPD, PLR, Più Donne e Lega il Consiglio di Stato fa notare che «non si intravedono ragioni per un rifiuto di principio alla manifestazione» – Le gare motoristiche sono limitate a un numero massimo di 10 all’anno – I disagi? «Simili a quelli di altri eventi»

  • 2
  • 3

    Pro-capite unico in Ticino: «C’è il margine politico»

    pronto intervento

    Si appresta a tornare in Parlamento il tema dei costi differenti a seconda della regione – L’idea di parificarli è difficilmente realizzabile ma per la Gestione «è possibile avvicinarvisi» – Il rapporto aggiuntivo di Matteo Quadranti potrebbe essere discusso già a febbraio

  • 4
  • 5

    La tassa di collegamento sarà realtà nel 2025

    mobilità

    È quanto propone al Gran Consiglio la Commissione gestione e finanze, che ha firmato un rapporto unico per evadere diversi atti parlamentari - Il Governo dovrà chiarire quali obiettivi intende raggiungere con la misura - Il plenum si esprimerà a febbraio

  • 1
  • 1