Piano direttore, il Consiglio di Stato approva le modifiche di due schede

pianificazione

Adottati i possibili ampliamenti delle discariche di Quartino e di Torre, una zona di protezione del paesaggio per le antiche faggete delle valli di Lodano, Busai e Soladino, nonché i principi per la prevenzione degli incidenti rilevanti

Piano direttore, il Consiglio di Stato approva le modifiche di due schede

Piano direttore, il Consiglio di Stato approva le modifiche di due schede

Piano direttore, il Consiglio di Stato approva le modifiche di due schede

Piano direttore, il Consiglio di Stato approva le modifiche di due schede

Piano direttore: adottati i possibili ampliamenti delle discariche di Quartino e di Torre, una zona di protezione del paesaggio per le antiche faggete delle valli di Lodano, Busai e Soladino, nonché i principi per la prevenzione degli incidenti rilevanti. Lo scorso 14 aprile 2021 il Consiglio di Stato ha adottato le modifiche di due schede del Piano direttore cantonale.

Nella scheda V7 Discariche è stata consolidata la possibilità di ampliamento di due discariche esistenti: quella di Quartino a Gambarogno, con un nuovo volume di circa 900’000 m3, e quella di Torre a Blenio, con un nuovo volume di circa 200’000 m3.

Nella scheda P4 Componenti naturali è stata integrata una nuova zona di protezione del paesaggio quale base pianificatoria necessaria per la candidatura al patrimonio mondiale dell’UNESCO delle antiche faggete delle valli di Lodano, Busai e Soladino a Maggia.

Il Consiglio di Stato ha anche adottato una nuova scheda V13 Prevenzione degli incidenti rilevanti che indica i principi per la presa in conto precoce nella pianificazione federale, cantonale e comunale, nonché nelle domande di costruzione, dei rischi derivanti dal trasporto, dallo stoccaggio e dall’utilizzo di sostanze pericolose.

Gli adattamenti di queste schede saranno pubblicati dal 17 maggio al 16 giugno 2021 presso le cancellerie comunali e sul sito del Cantone (www.ti.ch/pd).

Infine il Consiglio di Stato ha aggiornato la scheda P9 Bosco con l’introduzione delle riserve forestali già istituite delle Valli di Busai e Soladino, della Val Malvaglia a Serravalle, nonché l’adeguamento del perimetro della riserva forestale del Parco del Bosco di Maia a Losone.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 2

    Sarà un consiglio esecutivo a guidare la Lega del futuro

    Politica

    Il Movimento si è dotato di un nuovo statuto che sostituisce quello del fondatore Giuliano Bignasca - Creata un’assemblea dei soci - Prevista un’organizzazione con al vertice sette persone e dopo l’estate sarà nominato un coordinatore - Gobbi: «Oggi diventiamo un po’ più democratici»

  • 3

    Tripartita, è scontro sul futuro

    cantone

    A sei mesi dall’applicazione della legge sul salario minimo la Commissione si spacca in due - Per una parte del gremio consultivo, la propria missione va ripensata – A dividere i sindacati e il padronato è la possibilità di continuare a proporre contratti normali di lavoro

  • 4

    Il PLR torna in presenza e lancia l’offensiva

    politica

    Il comitato cantonale riunito a Gordola programma il rilancio del cantone dopo la pandemia - Tra le priorità ci sono il mercato del lavoro, la formazione, ma anche l’ambiente - Il presidente Alessandro Speziali: «Serve il coraggio politico di profilarsi, i nostri intenti devono sfociare in proposte concrete»

  • 5

    Migliorano un po’ le finanze del Cantone

    conti

    Le cifre del preconsuntivo indicano un disavanzo di 175,5 milioni di franchi a fronte de 230,7 milioni previsti - In base all’andamento, l’autofinanziamento negativo si stima potrà essere annullato

  • 1
  • 1