TICINO

Poker di sì per gli oggetti cantonali

Tutti e quattro i temi in votazione hanno superato il 73% dei voti favorevoli - Ecco i risultati definitivi

Poker di sì per gli oggetti cantonali
(Foto Reguzzi)

Poker di sì per gli oggetti cantonali

(Foto Reguzzi)

BELLINZONA - Poker di temi e altrettanti sì in Ticino. La popolazione, ricordiamo, era chiamata a esprimersi sui diritti politici dei ticinesi all’estero, i termini per la raccolta di firme legate all’esercizio dei diritti popolari, il voto popolare in caso di iniziative popolari legislative e i progetti con varianti per le revisioni parziali della Costituzione cantonale.

Il primo ha incassato il 75,7% di voti favorevoli. Ha addirittura raccolto il 79% di sì la proposta di estendere i giorni per la raccolta di firme.

Accolti - rispettivamente con il 73,2% e l’87,6% - gli altri oggetti: il voto popolare in caso di iniziative popolari legislative e i progetti con varianti per le revisioni parziali della Costituzione cantonale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Articoli suggeriti
Ultime notizie: Politica
  • 1
    Il caso

    «Non era una vera e propria offerta di lavoro»

    Il presidente Paolo Sanvido respinge le accuse riguardanti l’sms con il quale avrebbe offerto a Giovanni Pedrazzini il primariato di cardiologia all’Ente - Il Consiglio di amministrazione dell’EOC difende il suo presidente

  • 2
  • 3
    EOC-CARDIOCENTRO

    Le tensioni si riaccendono per un sms

    Il presidente dell’Ente Paolo Sanvido scrive al primario del Cardiocentro Giovanni Pedrazzini e gli offre un posto Per l’istituto del cuore si tratta di «un agire sleale» - Per l’interessato era «solo un messaggio ad un amico»

  • 4
    Formazione

    Scuole professionali, porte chiuse ai molestatori

    Il Consiglio di Stato rivede il regolamento: potrà essere rifiutata l’ammissione anche a chi, nell’arco degli ultimi 3 anni, si è visto scogliere il contratto di tirocinio per gravi inadempienze

  • 5
    Dipendenti statali

    Stipendio pieno anche se al militare

    Il Consiglio di Stato vuole abrogare il limite di 35 giorni per il riconoscimento del salario integrale in caso di servizio obbligatorio

  • 1