Reinserimento lavorativo per over 50, «Collabori tutto il Gran Consiglio»

politica

Dopo tre anni dall’iniziativa parlamentare sul tema il PPD chiede che la tematica torni sui banchi dei deputati - La discussione sull’atto parlamentare sarà all’ordine del giorno della sessione di giugno

Reinserimento lavorativo per over 50, «Collabori tutto il Gran Consiglio»
© CdT/ Chiara Zocchetti

Reinserimento lavorativo per over 50, «Collabori tutto il Gran Consiglio»

© CdT/ Chiara Zocchetti

Per favorire il reinserimento lavorativo degli over 50, i deputati PPD Fiorenzo Dadò e Giorgio Fonio già nel 2018 avevano depositato un’iniziativa parlamentare a nome del Partito che proponeva di fornire degli incentivi alle aziende che decidessero di assumere i lavoratori di questa fascia d’età in assistenza. Nel concreto, per lo Stato si tratterebbe di coprire i costi salariali per il 60%, lasciando solo il 40% a carico del datore di lavoro.

A distanza di tre anni, però, il Governo non ha dato alcuna risposta, ecco perché in questi giorni i deputati hanno chiesto che la tematica venisse discussa in Gran Consiglio senza ulteriori indugi. «Le persone che superano i cinquant’anni - si legge in una nota del PPD - non sono un peso per la società, rappresentano anzi una risorsa importante e la loro esperienza va valorizzata. Non meritano di concludere la propria carriera finendo in assistenza con conseguenza finanziarie e sociali drammatiche».

La richiesta non è rimasta inascoltata e il PPD è riuscito a ottenere l’inserimento dell’iniziativa all’ordine del giorno della sessione del Gran Consiglio del mese di giugno. «Ci si attende da tutte le forze politiche presenti in Gran Consiglio la massima collaborazione», conclude il comunicato.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1

    Sarà un consiglio esecutivo a guidare la Lega del futuro

    Politica

    Il Movimento si è dotato di un nuovo statuto che sostituisce quello del fondatore Giuliano Bignasca - Creata un’assemblea dei soci - Prevista un’organizzazione con al vertice sette persone e dopo l’estate sarà nominato un coordinatore - Gobbi: «Oggi diventiamo un po’ più democratici»

  • 2

    Tripartita, è scontro sul futuro

    cantone

    A sei mesi dall’applicazione della legge sul salario minimo la Commissione si spacca in due - Per una parte del gremio consultivo, la propria missione va ripensata – A dividere i sindacati e il padronato è la possibilità di continuare a proporre contratti normali di lavoro

  • 3

    Il PLR torna in presenza e lancia l’offensiva

    politica

    Il comitato cantonale riunito a Gordola programma il rilancio del cantone dopo la pandemia - Tra le priorità ci sono il mercato del lavoro, la formazione, ma anche l’ambiente - Il presidente Alessandro Speziali: «Serve il coraggio politico di profilarsi, i nostri intenti devono sfociare in proposte concrete»

  • 4

    Migliorano un po’ le finanze del Cantone

    conti

    Le cifre del preconsuntivo indicano un disavanzo di 175,5 milioni di franchi a fronte de 230,7 milioni previsti - In base all’andamento, l’autofinanziamento negativo si stima potrà essere annullato

  • 5

    Scuola uno, pandemia zero

    cantone

    Malgrado le restrizioni sanitarie l’anno scolastico ticinese si è svolto interamente in presenza - Bertoli: «Una straordinaria normalità raggiunta con lo sforzo di tutti» - Berger: «Abbiamo garantito il mandato formativo ed educativo» - Ora si guarda al rientro

  • 1
  • 1