Rivoluzione nel trasporto pubblico su gomma

Con l'apertura della galleria di base del Monte Ceneri verrà potenziato anche il servizio urbano nel Luganese

Rivoluzione nel trasporto pubblico su gomma

Rivoluzione nel trasporto pubblico su gomma

BELLINZONA - In vista dell'apertura della galleria di base del Monte Ceneri verrà potenziato anche il servizio di trasporto pubblico su gomma, che nel Luganese sarà particolarmente importante. Lo rende noto il Dipartimento del Territorio in una nota odierna, sottolineando che la galleria "porterà un sensibile miglioramento dei collegamenti ferroviari verso il nord delle Alpi e una riduzione dei tempi di percorrenza tra il Sopra e il Sottoceneri". Il DT in collaborazione con la Commissione regionale dei trasporti del Luganese (CRTL) ha in questo senso allestito un concetto di offerta che è stato posto in consultazione fino al prossimo 21 settembre. Con l'apertura della galleria di base del Monte Ceneri, nel dicembre 2020, nascerà dunque un vero e proprio servizio ferroviario metropolitano ticinese che collegherà in modo più rapido, diretto e confortevole tutte le regioni. Il miglioramento dei collegamenti ferroviari sarà accompagnato da un potenziamento dei servizi su gomma, che permetteranno di estenderne i benefici all'intero territorio. Per il Luganese sono previsti un aumento dell'offerta nelle ore di punta, un ampliamento dell'arco di servizio il mattino e la sera così come anche il fine settimana. Inoltre i percorsi di alcune linee saranno prolungati o modificati per allacciare nuovi comparti territoriali.

In particolare saranno potenziati i servizi regionali nel Basso Vedeggio (nuova linea Bioggio Molinazzo FLP – Manno Suglio – Lugano Cornaredo via galleria VedeggioCassarate), tra la Capriasca e il Basso Vedeggio (nuova linea Tesserete – Taverne FFS – Bedano – Manno Suglio – Lamone FFS), nel comparto della Capriasca (nuova linea Origlio Carnago – Tesserete – Cornaredo – Lugano Centro), nel comparto del Malcantone (nuova linea Bioggio FLP – Gaggio – Cimo) e sarà allacciata la zona industriale di Muzzano.

I servizi urbani offriranno corse almeno ogni 15 minuti su tutte le linee da lunedì a domenica e la sera fino alle 24 e saranno meglio allacciati alla rete ferroviaria (stazioni di Lugano, Lugano-Paradiso e Lamone-Cadempino). Con questi potenziamenti si potrà disporre della capacità necessaria per soddisfare l'aumento previsto della domanda. L'incremento delle prestazioni è stimato a oltre l'80% nei servizi regionali, e al 26% in quelli urbani. I costi supplementari annui a carico dei committenti sono valutati a 18.2 milioni di franchi per le linee regionali (da ripartire tra Confederazione, Cantone e Comuni) rispettivamente a 4.3 milioni di franchi per le linee urbane (da ripartire tra Cantone e Comuni serviti). Nel corso della consultazione i Comuni hanno la possibilità di formulare osservazioni e suggerimenti, dopodiché è prevista l'elaborazione dell'orario di dettaglio, la valutazione dei costi da parte delle imprese di trasporto interessate (AutoPostale, ARL, TPL e SNL) e l'iter di approvazione da parte del Consiglio di Stato e del Gran Consiglio. La nuova offerta verrà messa in esercizio con il cambio d'orario previsto per il 13 dicembre 2020.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1