«Salario minimo, quelle proposte sono anticostituzionali»

Salviamo il lavoro in Ticino

Il Consiglio di Stato scrive alla Gestione e boccia i provvedimenti avanzati da Lega e UDC

«Salario minimo, quelle proposte sono anticostituzionali»
Foto Archivio CdT

«Salario minimo, quelle proposte sono anticostituzionali»

Foto Archivio CdT

BELLINZONA - «Contrarie al diritto superiore», «particolarmente dispendiose e macchinose» nonché «anticostituzionali». È una bocciatura secca quella del Consiglio di Stato in merito alle proposte targate Lega e UDC per introdurre il salario minimo in Ticino. Un dossier - quello per l’applicazione dell’iniziativa «Salviamo il lavoro in Ticino» - che corre da anni su una strada tortuosa...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1

    Ticino2020: un accordo entro febbraio

    Aggregazioni

    La variante «sostenibile» individuata dalla direzione di progetto sarà discussa dal Consiglio di Stato nella sua seduta extra muros di settimana prossima

  • 2
  • 3

    L’eredità di un peso massimo

    Dopo il voto

    Con l’uscita di scena di Filippo Lombardi il Ticino perde il suo rappresentante più influente a Berna – Il lavoro di lobbying per il cantone e una carriera caratterizzata da una spiccata vocazione internazionale – Il nuovo gruppo «Centro» dovrà fare a meno di lui

  • 4
  • 5

    «Filippo Lombardi resti a disposizione del Ticino»

    Politica

    Il PPD si augura che il consigliere agli Stati uscente «prosegua in altre forme il suo generoso impegno» e promette una riflessione sulle «future forme di collaborazione con gli altri partiti di centro»

  • 1
  • 1