Si contrae l'incremento del traffico veicolare

I DATI 2017 DEL DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO - Nonostante l'aumento della popolazione e del numero di frontalieri - Aumentato l'uso dei mezzi pubblici

Si contrae l'incremento del traffico veicolare

Si contrae l'incremento del traffico veicolare

Si contrae l'incremento del traffico veicolare

Si contrae l'incremento del traffico veicolare

BELLINZONA - Nonostante l'aumento della popolazione e del numero di frontalieri, nel 2017, l'incremento del traffico veicolare ha subito una leggera contrazione, mentre l'uso del trasporto pubblico evidenzia un rilevante incremento. Sono questi i dati principali che emergono dal rapporto "La mobilità in Ticino 2017" pubblicato dal Dipartimento del territorio.

La pubblicazione del rapporto "La mobilità in Ticino nel 2017" fornisce uno sguardo sul breve e sul lungo periodo sulla mobilità cantonale, offrendo un'analisi sull'evoluzione dei trasporti pubblici su ferro e su gomma, del traffico individuale motorizzato e di quello ciclabile. L'edizione 2017 è stata arricchita da confronti tra l'evoluzione del traffico e alcuni indicatori demografici e socio-economici (popolazione, parco veicoli, addetti e frontalieri).

L'aumento del traffico stradale, rivelatosi costante tra il 2005 e il 2015 (circa +12%), a partire dal 2016 ha registrato un leggero allentamento. Nonostante l'aumento di fattori che notoriamente influenzano il traffico (popolazione, frontalieri e numero di automobili in circolazione), sulle strade cantonali del Luganese si è osservata una sua lieve flessione generalizzata.

CRESCITA DEL SERVIZIO DI TILO

Rispetto al 2005, il servizio TILO ha registrato una crescita del 123%, con 14,6 milioni di passeggeri. Anche per quanto riguarda il trasporto pubblico su gomma si sono potuti osservare considerevoli incrementi dell'utenza: dal 2005 i chilometri percorsi a bordo di un autobus in Ticino sono aumentati del 40% e nel 2017 sono stati trasportati 31,1 milioni di passeggeri (+7.5% rispetto al 2016).

Dai dati presentati si può pertanto presumere che negli ultimi due anni l'aumento della mobilità, derivante dal maggior numero delle persone in movimento sul territorio, sia stato assorbito dal trasporto pubblico e da forme di mobilità alternative all'automobile, parte integrante della strategia del Dipartimento del territorio sulla mobilità.

Il rapporto è disponibile sul sito www.ti.ch/conteggi  e su quello dell'osservatorio ambientale della svizzera italiana www.ti.ch/oasi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1
    parlamento

    Deputati «silenziati» in sala

    A causa di una panne tecnica risultano funzionanti solo il microfono al pulpito e quello del presidente del Gran Consiglio - problemi anche per il voto elettronico

  • 2
    il caso

    Si riapre il concorso per i procuratori

    Lo ha deciso la commissione giustizia e diritti del Gran Consiglio dopo i pareri negativi su 5 procuratori uscenti - Luca Pagani: «Opportuno farlo visto il mutamento delle circostanze rispetto a giugno»

  • 3
    L’intervista

    «Nel 2021 un deficit da 230 milioni»

    Le finanze del Cantone e le prospettive economiche - Parla il direttore del DFE Christian Vitta: «Nel 2002 il capitale proprio ammontava a 525 milioni, nel 2019 a 112 milioni»

  • 4
    domenica del corriere

    Scintille su permessi e Magistratura in vista di un autunno caldo

    Durante la puntata di questa sera il confronto sui conti e su altri temi politici del momento – Matteo Pronzini: «È normale che Gobbi faccia una politica di destra, ma è il Consiglio di Stato che deve opporsi» – Michele Foletti: «Si parla di mafia, ma ci si lamenta quando si controlla»

  • 5
  • 1