«Sono incavolato, basta schiaffi al Ticino!»

Lavoro interinale

Il deputato Giorgio Fonio reagisce al ricorso di SwissStaffing alla nuova Legge sulle commesse pubbliche

«Sono incavolato, basta schiaffi al Ticino!»

«Sono incavolato, basta schiaffi al Ticino!»

BELLINZONA - La nuova Legge sulle commesse pubbliche (LCPubb), approvata dal Gran Consiglio nell’aprile del 2017, e la cui entrata in vigore è prevista il primo gennaio del prossimo anno, ha incontrato un ostacolo. SwissStaffing, associazione nazionale di categoria dei prestatori e collocatori di personale, ha infatti inoltrato ricorso al Tribunale federale. A SwissStaffing, in particolare, non piace il fatto che, a seguito di un emendamento allora presentato dai deputati democentristi Giorgio Fonio e Lorenzo Jelmini, nella nuova legge è previsto che prima di fare capo a manodopera delle agenzie interinali, in caso di appalti pubblici, l’offerente dovrà rivolgersi agli Uffici regionali di collocamento (URC). Insomma, prima i disoccupati e poi gli interinali. Secondo SwissStaffing «con il divieto di subappalto diventa praticamente impossibile per i prestatori di personale fornire la propria manodopera per gli appalti pubblici».

Continuerò a portare avanti questa giusta battaglia

A stretto giro è arrivata anche la reazione di Giorgio Fonio che sul suo profilo Facebook ha scritto: «Sono incavolato: basta schiaffi al Ticino! L’offerente ha l’obbligo di rivolgersi agli URC nel caso di una necessità ulteriore di manodopera. Solo dopo che gli URC hanno attestato l’impossibilità di reperire manodopera presso i propri uffici potrà rivolgersi alle agenzie interinali. L’associazione che rappresenta le agenzie interinali, ha deciso che la proposta qui sopra, fatta dal sottoscritto e da Lorenzo Jelmini a nome del PPD nella nuova legge sugli appalti non va bene! Hanno quindi ricorso al Tribunale Federale perché a loro dire “rappresenta una grave interferenza nella libertà economica delle imprese di lavoro temporaneo e dei loro clienti”. Io non mollo e fino a che ci sarà la possibilità continuerò a portare avanti questa giusta battaglia! Ma mi chiedo e lo chiedo a voi: solo a me sembra una proposta logica la nostra?».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 2

    Salario minimo, le reazioni dei partiti

    Verdi

    L’assemblea di ieri chiede al gruppo parlamentare di correggere la rotta e vincolare l’entrata in vigore della misura - Ivo Durisch: «Sosterremo questo passo» - Michele Guerra: «Sarebbe stato meglio formularlo prima» - Fiorenzo Dadò: «Capisco il passo per il quieto vivere degli ecologisti»

  • 3
  • 4
  • 5

    Il PLR si accende, non si spezza

    Il confronto

    La richiesta di dimissioni non passa: il Comitato cantonale conferma la fiducia al presidente Bixio Caprara ma chiede più confronto - Dalla base emergono malumori anche per la congiunzione con il PPD - Il dibattito sulla futura conduzione è rinviato a dopo le Comunali di aprile - VIDEO

  • 1
  • 1