Sorpresa, nella bucalettere due materiali di voto

Dopo il trasloco un elettore si è visto recapitare la carta di legittimazione sia da Bellinzona sia da Lugano

Sorpresa, nella bucalettere due materiali di voto

Sorpresa, nella bucalettere due materiali di voto

LUGANO - È un caso quantomeno curioso e forse anche più unico che raro quello che vede protagonista un cittadino domiciliato a Lugano. Nelle scorse settimane nella sua bucalettere sono infatti state recapitate contemporaneamente due buste contenenti il materiale per la votazione federale del 25 novembre: una in arrivo dalla cancelleria della Città di Lugano e una dalla cancelleria di Bellinzona. L'errore amministrativo è in parte da ricondurre al trasloco effettuato a inizio ottobre dal diretto interessato proprio da un Comune all'altro. Si sbaglia però chi pensa che una delle due buste contenenti altrettante carte di legittimazione di voto sia stata inviata per sbaglio al vecchio indirizzo e poi – tramite rispedizione postale – convogliata nel Sottoceneri. Sì perché la singolarità della vicenda risiede proprio nel fatto che la Città di Bellinzona ha inviato il materiale direttamente al nuovo domicilio dell'elettore. Quest'ultimo a seguito del trasloco era tuttavia stato regolarmente stralciato dal catalogo elettorale di Bellinzona a partire dal 15 ottobre per quanto concerne le votazioni in materia federale, per essere invece iscritto a quello di Lugano a partire dal 16 del mese.

Come è stato possibile, dunque, procedere comunque con l'imbustamento del materiale per un ex domiciliato e soprattutto spedire lo stesso a un indirizzo non bellinzonese? «Onestamente non me lo so bene spiegare» riconosce in un primo momento il segretario comunale di Bellinzona Philippe Bernasconi. Dopo alcune verifiche per contro rileva: «Quando una persona si annuncia partente, il Controllo abitanti crea l'indirizzo provvisorio del nuovo Comune di domicilio. Però fintanto che non arriva la conferma del trasferimento avvenuto da parte dello stesso Comune d'arrivo, figura ancora come se fosse ancora domiciliato a Bellinzona. Però, come detto, già con l'indirizzo nuovo. E proprio in questo lasso di tempo si sono sovrapposte le due cose».  

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1
    MOBILITÀ

    Trasporto pubblico? «A noi non piace proprio tutto»

    Contro la riorganizzazione dell’offerta voluta dal Cantone sono state inoltrate sei opposizioni (cinque Comuni ed il Patriziato di Carona) al Gran Consiglio - Il Governo invita ad accogliere parzialmente soltanto quella presentata da Quinto

  • 2
    L’incontro

    Il Cantone presenta la «Polizia Ticinese»

    Polizie comunali, controlli di velocità e rispettive deleghe sono i temi trattati durante la Conferenza cantonale consultiva della sicurezza per coordinare al meglio il lavoro di squadra sul nostro territorio

  • 3
  • 4
  • 5
    Elezioni federali

    È ufficiale: salta il seggio leghista al Nazionale

    I dati definitivi dei 115 Comuni ticinesi indicano la sconfitta del movimento di via Monte Boglia, con la mancata rielezione di Roberta Pantani a vantaggio dell’ecologista Greta Gysin - Agli Stati in testa Lombardi seguito da Chiesa, Merlini e Carobbio

  • 1