Ufficiali delle Guardie di confine sotto inchiesta

Due graduati del corpo in servizio in Ticino sono al centro di un'indagine amministrativa

Ufficiali delle Guardie di confine sotto inchiesta

Ufficiali delle Guardie di confine sotto inchiesta

LUGANO - Nei confronti di due alti ufficiali delle Guardie di confine in servizio in Ticino è stata aperta un'inchiesta amministrativa per presunte irregolarità finanziarie. La vicenda, ancora da chiarire in tutti i suoi aspetti, lascia presupporre pesanti risvolti.

Nel pomeriggio la notizia dell'apertura di un'inchiesta amministrativa ci è stata confermata dall'Amministrazione federale delle dogane a Berna. La portavoce del corpo per la Svizzera italiana Nadia Passalacqua ci ha comunicato che "venerdì 17 agosto l'Amministrazione federale delle dogane è stata informata che presso la Regione guardie di confine IV (Ticino) si sarebbero verificate alcune irregolarità. A seguito, il direttore dell'Amministrazione federale delle dogane ha richiesto immediatamente al capo del Dipartimento l'apertura di un'inchiesta amministrativa".

Il Ministero pubblico della Confederazione non si sta invece occupando della vicenda, contrariamente a quanto emerso in un primo tempo da fonti giornalistiche.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Politica
  • 1