Una nuova via per i salari minimi

In sottocommissione spunta la proposta di Raffaele De Rosa (PPD): forchetta ritoccata verso l’alto e portata a 19-19,50 franchi all’ora

Una nuova via per i salari minimi

Una nuova via per i salari minimi

BELLINZONA – I salari minimi in Ticino potrebbero imboccare una nuova via. Sul tavolo della Sottocommissione parlamentare che si sta occupando del dossier è infatti arrivata una proposta che rivede gli intendimenti originali del Governo e che potrebbe incassare il sostegno della maggioranza dei gruppi. A promuoverla è stato il deputato del PPD Raffaele De Rosa, che ha ritoccato su tre aspetti il piano del Consiglio di Stato. Innanzitutto la forchetta entro la quale fissare i minimi salariali differenziati. Se l'Esecutivo aveva indicato agli estremi i 18,75 franchi e i 19,25 franchi all'ora, De Rosa spinge per la forchetta 19-19,50 franchi orari. In aggiunta si vorrebbe estendere da 3 a 4 anni il periodo da concedere alle aziende per adeguarsi e rafforzare ulteriormente il ruolo dell'Ufficio cantonale di conciliazione per favorire la sottoscrizione di contratti collettivi di lavoro. "Questa via intermedia ha suscitato interesse e ora verrà discussa nei singoli gruppi" conferma in merito il coordinatore della Sottocommissione lavoro Nicola Pini (PLR). È in effetti possibile che il compromesso trovi i favori dello stesso PLR e della Lega. A non smuoversi dalla propria posizione è invece il PS, che continua a difendere un salario minimo non inferiore ai 20 franchi all'ora.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1
    giustizia

    «Manuale Cencelli da rivedere»

    La politica apre a una revisione del sistema di nomina dei procuratori pubblici - Il pg Andrea Pagani ipotizza un cambiamento che non fa l’unanimità - Fiorenzo Dadò: «Inaccettabili interferenze esterne» - Alessandro Speziali: «Un miglioramento è necessario»

  • 2
  • 3
    ticino

    Segnala il mobbing, il Governo la licenzia

    La denuncia di una dipendente dell’Amministrazione pubblica che accusa alcuni dipendenti, a partire dal vertice, di «mobbing, favoritismi, abuso di potere, molestie sessuali, ricatti, minacce...»

  • 4
    politica

    Il PPD annuncia battaglia: «Non possiamo più tacere»

    Giustizia, casse malati e finanze pubbliche al centro del comitato cantonale, per la prima volta online - Il presidente: «Ci sono situazioni che vanno affrontate» - Triplice sì in vista della votazione popolare del 7 marzo

  • 5
  • 1