Una rinnovata intesa al centro? «C’è apertura, ma in tempi celeri»

Politica

La reazione degli altri partiti all’elezione di Alessandro Speziali alla testa del PLR - Dadò: «Siamo aperti a discuterne, ma non bisogna attendere dei mesi»

Una rinnovata intesa al centro? «C’è apertura, ma in tempi celeri»

Una rinnovata intesa al centro? «C’è apertura, ma in tempi celeri»

«Sarà una partenza con il botto, e su più fronti». Così, a caldo, il nuovo presidente del PLR Alessandro Speziali ha commentato domenica la sua elezione alla testa del partito. Per il neoeletto i cantieri nelle prossime settimane non mancheranno di certo, dalla formazione della squadra fino alle elezioni comunali di aprile. In mezzo, però, ci sono anche i rapporti con tutti gli altri partiti. Speziali ha spiegato di essere aperto al dialogo con le altre forze politiche, a patto che portino avanti una visione liberale in senso filosofico, e non partitico. Insomma, lo spazio per il dialogo c’è, ma non a tutti i costi.

Abbiamo quindi interpellato gli altri partiti, a cominciare dal partner più naturale del PLR, ovvero il PPD, il cui presidente Fiorenzo Dadò ha innanzitutto voluto fare gli auguri...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Politica
  • 1
  • 1