Posticipata la 15.a edizione della StraLugano

coronavirus

La manifestazione che doveva svolgersi il 16 e 17 maggio è stata rinviata alla fine di agosto - Le iscrizioni finora registrate restano valide

 Posticipata la 15.a edizione della StraLugano
©CdT/Archivio

Posticipata la 15.a edizione della StraLugano

©CdT/Archivio

A causa del protrarsi della situazione di emergenza sanitaria e della conseguente proibizione di tenere manifestazioni, il Comitato Organizzatore della StraLugano ha deciso di spostare lo svolgimento della 15a edizione alla data del 29/30 agosto 2020.

Il Comitato comprende e sostiene le misure precauzionali emanate dalla Confederazione e dal Cantone e ringrazia di cuore la Città di Lugano, gli sponsor e tutte le persone ed i partner coinvolti nell'organizzazione che hanno condiviso la decisione di posticipare la data della StraLugano, confermandoci il loro sostegno e la piena collaborazione.

Come avevamo comunicato in precedenza, tale decisione è volta a tutelare la salute e la sicurezza dei nostri partecipanti e collaboratori. La scelta di rinviare piuttosto che annullare la manifestazione, oltre che quale segno di fiducia nel miglioramento della situazione attuale, è stata presa con un occhio di riguardo per tutti gli amanti dello sport che non vedono l’ora di ritornare a correre in piena salute e sicurezza.

Le iscrizioni già registrate fino ad oggi, verranno considerate valide per la nuova data del 29/30 agosto, alle stesse condizioni attualmente in vigore e proseguono quindi attraverso i canali abituali sul sito www.stralugano.ch.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2

    Ecco il folle volo dell’auto giù dalla diga

    LUZZONE

    Il video della puntata della trasmissione della BBC «Top Gear» girata nel settembre scorso in Valle di Blenio - Protagonista l’ex capitano della nazionale inglese di cricket Andrew Flintoff che ha fatto un salto di oltre 200 metri

  • 3

    «No a un OBV senza ostetricia»

    Sanità

    L’AlternativA reagisce alla ventilata ipotesi di smantellare i reparti di neonatologia e pronto soccorso pediatrico e invita i Municipi del Mendrisiotto a difendere l’offerta ospedaliera

  • 4

    Per la Lombardia la riapertura dei confini interni è incerta

    il caso

    Roma deciderà chi potrà dare di nuovo via libera agli spostamenti dal 3 giugno dopo aver valutato gli effetti della riapertura – Sul tavolo tre possibili scenari – Cosa accadrà con i confini con il Ticino? – Gobbi: «Situazione non chiara. Procediamo con passo fermo e sicuro»

  • 5
  • 1
  • 1