Premi di cassa malati, «Brutte notizie per i ticinesi»

reazioni

L’Associazione consumatori e consumatrici della Svizzera italiana sottolinea la necessità di intervenire sui costi: «Il potenziale di risparmio è elevato» - A livello elvetico l’FMH «accoglie positivamente l’aumento moderato dei premi»

Premi di cassa malati, «Brutte notizie per i ticinesi»
©KEYSTONE/Christian Beutler

Premi di cassa malati, «Brutte notizie per i ticinesi»

©KEYSTONE/Christian Beutler

(Aggiornato alle 15.22) In Ticino i premi di cassa malati 2021 cresceranno mediamente dell’1,9 per cento per gli adulti, dell’2,9 per cento per i giovani adulti e dello 0,9 per cento per i minorenni. L’ACSI (Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana) ha preso atto con grande preoccupazione dell’aumento complessivo del 2,1% perché si tratta dell’incremento più elevato della Svizzera. A livello nazionale i premi sono stabili (+0.5%), e in diversi cantoni si registrano diminuzioni.

Come ogni anno l’ACSI sottolinea la necessità di intervenire sui costi, sia attraverso una riduzione delle tariffe che sul fronte della quantità di prestazioni. L’ACSI, da anni attiva in campagne informative contro la sovramedicalizzazione, rileva che secondo le stime dell’OMS il 30% delle spese è destinato a trattamenti sanitari i cui benefici non sono stati dimostrati scientificamente. «Il potenziale di risparmio è quindi elevato. A questo proposito l’ACSI ricorda la sua la tessera “Le buone domande da porre al medico” per favorire il dialogo e contenere la medicina inutile», si legge in una note dell’associazione.

Alcuni consigli ai consumatori

L’ACSI evidenzia che «la differenza dei premi fra le varie casse malati si riduce ma resta importante (fra i 609 franchi mensili per il premio standard di Visana e i 502 di Aquilana ci sono ben 107 franchi/mese di differenza, pari a quasi 1’300 franchi all’anno!). Vale quindi la pena confrontare i premi e cambiare cassa malati per trovare premi più bassi, benché il beneficio possa rivelarsi temporaneo in attesa di un nuovo aumento. Il potenziale di risparmio è importante, soprattutto per le famiglie», scrive l’ACSI che fa notare che tutti hanno il diritto di cambiare cassa malati, anche anziani e malati. Agli interessati l’ACSI ricorda che la lettera di disdetta deve giungere all’assicuratore entro il 30 novembre (non fa stato il timbro postale!) e va quindi spedita qualche giorno prima. L’ACSI invita anche a valutare l’opportunità di aumentare la franchigia. Per contenere i premi l’ACSI invita pure a valutare l’adesione a modelli alternativi (in particolare quello del medico di famiglia) ricordando tuttavia che occorre leggere attentamente le condizioni per beneficiare degli sconti e evitare eventuali sanzioni.

«Per confrontare i premi delle varie casse malati in vista di un’eventuale disdetta e per scegliere la franchigia ottimale - si legge nel comunicato - l’ACSI segnala il calcolatore dell’Ufficio federale della sanità accessibile tramite il sito www.acsi.ch preferendolo a quello di Comparis finanziato anche dalle casse malati. L’ACSI fornisce un servizio di consulenza telefonica sulle casse malati tutte le mattine dalle 8.30 alle 11.30 al numero 091 922 97 55 (tasto 1). Il servizio è aperto a tutti».

L’FMH accoglie positivamente «moderato» aumento

L’Associazione dei medici FMH si è mostrata soddisfatta dell’aumento «moderato» dei premi delle casse malattia, annunciato oggi dal consigliere federale Alain Berset. È un indizio di un incremento contenuto dei costi della salute, si legge in un comunicato.

Nonostante questo, i premi gravano fortemente sulle economie domestiche in Svizzera. Per questo motivo, secondo FMH serve un settore ambulatoriale meno caro, che possa guadagnare importanza rispetto alle cure stazionarie.

Anche santésuisse ha accolto piuttosto bene la notizia, ma ha sottolineato - tramite un comunicato - che quello che serve è una stabilizzazione sul lungo termine dei premi. Fra le varie soluzioni, c’è lo stop agli interventi inutili, un sistema di prezzi di riferimento per i generici e prezzi più economici dei laboratori.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Mano tesa agli esercenti

    Aperture

    GastroTicino chiede aiuto ai Comuni affinché autorizzino l’estensione delle terrazze sul suolo pubblico per compensare i posti a sedere che si perderanno con il distanziamento sociale - I principali centri urbani hanno già stabilito alcune misure di sostegno finanziario

  • 2

    Una preziosa perla salvata e tutta da scoprire

    losone

    Si sta concludendo l’operazione di restauro degli affreschi quattrocenteschi nella chiesa di San Giorgio – Ora il pubblico potrà tornare nell’antico coro per ammirare i dipinti attributi dagli esperti alla nota Bottega dei Seregnesi

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1