«Prudenti a scuola, ma con il sorriso»

L’intervista

Il direttore del DECS Manuele Bertoli riapre idealmente quelle aule chiuse dal 16 marzo - L’invito a allievi, docenti e famiglie

«Prudenti a scuola, ma con il sorriso»

«Prudenti a scuola, ma con il sorriso»

Dalle (tante) parole ai fatti. Da questa mattina la scuola riapre. In forma ridotta, ma bambini e ragazzi della scuola dell’obbligo torneranno in aula. Non accadeva più dal 16 marzo, quando (anche in quell’occasione tra accese polemiche) l’avanzata del coronavirus aveva imposto lo stop. Abbiamo intervistato il direttore del DECS Manuele Bertoli che invita tutti a rispettare le regole, a restare prudenti, ma anche a ritrovare il sorriso. Si tratta anche di un test in vista di lunedì 31 agosto, quando inizierà l’anno scolastico 2020/2021.

Cosa si attende dalla ripartenza di oggi?

«È l’inizio di una nuova fase, di un adattamento collettivo alle cose che cambiano. Mi attendo una nuova consapevolezza da parte di allievi e genitori su quanto sia importante per loro avere a disposizione quella scuola...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Coronavirus
  • 2 Gianni Righinetti
Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1