Quando il cancro è disuguaglianza

Medicina

L’OMS lancia l’allarme: «Entro il 2040 aumento esponenziale delle diagnosi di tumore nei Paesi poveri» - Franco Cavalli: «Bisogna agire a livello politico»

Quando il cancro è disuguaglianza
©CDT/Archivio

Quando il cancro è disuguaglianza

©CDT/Archivio

L’allarme lo ha lanciato l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) in occasione della Giornata del cancro: entro due decenni, il numero delle persone nel mondo che hanno una diagnosi di tumore aumenterà del 60%. Un dato a dir poco preoccupante. Tuttavia, gli esperti del settore non si sono scomposti più di tanto. Anzi, l’orizzonte tracciato settimana scorsa dall’OMS non fa altro che confermare altre ricerche, altri studi, altre voci scientifiche magari meno preponderanti rispetto alla potenza mediatica di cui beneficia l’agenzia dell’ONU ma indubbiamente autorevoli. «È proprio così», spiega l’oncologo Franco Cavalli. «Già nel 2012, al primo convegno che avevamo organizzato a Lugano (il World Oncology Forum, ndr), era emersa questa tendenza. In seguito ne avevo parlato anche al World Economic...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    La Santa Chiara fra estromissioni e ottimismo sull’operatività

    Assemblea

    Gli azionisti della clinica locarnese hanno deciso di non riconfermare nel Consiglio di amministrazione il CEO di Swiss Medical Network, che lascia intendere possibili contromosse – Moncucco garantisce sugli stipendi, ma preoccupano ancora le finanze

  • 2

    Swiss Medical Network fuori dal CdA della Clinica Santa Chiara

    Sanità

    Il rappresentante di Swiss Medical Network Dino Cauzza è stato estromesso dal nuovo Consiglio di Amministrazione: «Così non siamo nelle condizioni per sbloccare i vincoli legati agli aiuti finanziari garantiti per il pagamento degli stipendi di giugno»

  • 3

    Pedrinate: l’accusa è di omicidio colposo

    A giudizio

    Andrà a processo il cacciatore di 53 anni che nel settembre di due anni fa uccise per errore con un colpo di fucile un amico nel bosco del Penz durante una appostamento

  • 4
  • 5

    Una «sgambata» che è un tuffo nella bellezza

    Perle nascoste del Bellinzonese

    Vicolo Socino in città è una viuzza forse conosciuta più dai turisti che dagli indigeni - Porta al Castelgrande, ma ad un tiro di schioppo si trovano altresì le meraviglie del centro storico della Turrita

  • 1
  • 1