Quarantena e pass verde, «le tempistiche italiane non sono reali»

mano tesa al turismo

L’introduzione del lasciapassare nazionale dal 15 maggio solleva non poche perplessità sui contenuti e le modalità tecniche - Come fare con la lista delle zone a rischio dell’UFSP? Il documento svizzero che attesta la vaccinazione sarà sufficiente per le autorità di un altro Paese? Ne abbiamo parlato con Gateway Tours e Kuoni Viaggi

Quarantena e pass verde, «le tempistiche italiane non sono reali»
© Shutterstock

Quarantena e pass verde, «le tempistiche italiane non sono reali»

© Shutterstock

«Prenotate le vacanze nel nostro Paese, non vediamo l’ora di accogliervi di nuovo». Le parole del premier italiano Mario Draghi hanno spiazzato tutti ieri quando, a margine della riunione ministeriale del G20 Turismo, ha annunciato l’introduzione dal 15 maggio del «pass verde nazionale» che permetterà a chi arriva dall’estero di muoversi liberamente tra le regioni senza dover più sottostare all’obbligo di quarantena. Il Governo italiano gioca quindi d’anticipo sul piano d’azione europeo che vedrà l’introduzione del certificato COVID a partire da metà giugno.

L’obiettivo di questo certificato, sia nazionale che europeo, è principalmente uno: sostenere il turismo fornendo allo stesso tempo delle basi più sicure nel pieno dell’emergenza pandemica. A fronte dell’annuncio del premier Draghi, come...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Scuola uno, pandemia zero

    cantone

    Malgrado le restrizioni sanitarie l’anno scolastico ticinese si è svolto interamente in presenza - Bertoli: «Una straordinaria normalità raggiunta con lo sforzo di tutti» - Berger: «Abbiamo garantito il mandato formativo ed educativo» - Ora si guarda al rientro

  • 2

    Spostare il centro giovani? «Non lì e non adesso»

    Stabio

    Il Municipio è alla ricerca di nuovi spazi per i ragazzi del paese, oggi accolti in strutture prefabbricate provvisorie - Un’interpellanza propone l’edificio ex Rubis, soluzione che anche il Comune aveva considerato ma che ha dovuto scartare

  • 3
  • 4

    «I poliziotti formati sono merce rarissima»

    Chiasso

    Il corpo della Polizia comunale cerca tre agenti perché altrettanti sono passati alla Cantonale – Sonia Colombo-Regazzoni: «Non erano scontenti, non è una questione di stipendio ma per loro il trasferimento rappresenta un’occasione di miglioramento e di carriera»

  • 5

    Violento incendio a Cadenazzo

    rogo

    Le fiamme sono divampate nello stabile che ospitava il locale Monna Lisa - Sul posto i pompieri locali e della capitale - ViaSuisse informa che la strada cantonale è stata riaperta ed è nuovamente percorribile - FOTO e VIDEO

  • 1
  • 1