Quel certificato da cui dipendono le vacanze

turismo

Il Parlamento europeo propone di far cadere le restrizioni, come la quarantena, per i viaggi tra gli Stati membri dopo la nascita del certificato COVID - Delusi i ticinesi già vaccinati: «Al momento non hanno nessun vantaggio rispetto alle altre persone», spiega il portavoce di Hotelplan Ticino Davide Nettuno con cui abbiamo affrontato anche il tema della discriminazione sollevato dall’OMS

Quel certificato da cui dipendono le vacanze
© Shutterstock

Quel certificato da cui dipendono le vacanze

© Shutterstock

Il Parlamento europeo prende posizione in vista dei prossimi negoziati con gli Stati membri sui dettagli da affinare per quanto riguarda il certificato vaccinale. In buona sostanza è stato chiesto, dopo la nascita del «green pass», di far cadere tutte le altre restrizioni - come la quarantena in loco - per i viaggi tra e per i Paesi europei. «Un passo importante per viaggiare liberi e sicuri quest’estate», ha cinguettato subito dopo la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, oltre ad anticipare che il certificato COVID sarà «attivo» e «funzionante» entro giugno. Il «green pass», lo ricordiamo, certifica l’avvenuta vaccinazione, se una persona è guarita dalla malattia oppure ha ottenuto un risultato negativo dopo aver eseguito il test di depistaggio.

Avevamo già parlato (l’articolo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Rogo a Cadenazzo, sul posto anche la Polizia militare

    Il caso

    Negli scorsi giorni l’esercito avrebbe svolto delle esercitazioni e non è da escludere che del materiale utilizzato per le attività dei militari possa aver accidentalmente causato l'incendio dello stabile che ospitava il Monna Lisa

  • 2

    Scuola uno, pandemia zero

    cantone

    Malgrado le restrizioni sanitarie l’anno scolastico ticinese si è svolto interamente in presenza - Bertoli: «Una straordinaria normalità raggiunta con lo sforzo di tutti» - Berger: «Abbiamo garantito il mandato formativo ed educativo» - Ora si guarda al rientro

  • 3

    Spostare il centro giovani? «Non lì e non adesso»

    Stabio

    Il Municipio è alla ricerca di nuovi spazi per i ragazzi del paese, oggi accolti in strutture prefabbricate provvisorie - Un’interpellanza propone l’edificio ex Rubis, soluzione che anche il Comune aveva considerato ma che ha dovuto scartare

  • 4
  • 5

    «I poliziotti formati sono merce rarissima»

    Chiasso

    Il corpo della Polizia comunale cerca tre agenti perché altrettanti sono passati alla Cantonale – Sonia Colombo-Regazzoni: «Non erano scontenti, non è una questione di stipendio ma per loro il trasferimento rappresenta un’occasione di miglioramento e di carriera»

  • 1
  • 1