Quella mezz’ora di apertura in più si fa più vicina

Negozi

L’estensione del Contratto colletivo di lavoro per il settore del commercio al dettaglio da parte della SECO dovrebbe presto comparire sul Foglio ufficiale - Gargantini: «Era scontato. Aspettiamo ancora di accedere alla documentazione»

Quella mezz’ora di apertura in più si fa più vicina
© CDT/Gabriele Putzu

Quella mezz’ora di apertura in più si fa più vicina

© CDT/Gabriele Putzu

(Aggiornato alle 20.13) - L’apertura prolungata dei negozi in Ticino, quella mezz’ora in più approvata alle urne dai ticinesi nel febbraio del 2016, è ora un po’ più vicina. Da tempo infatti si attendeva l’approvazione dell’estensione del Contratto colletivo di lavoro (CCL) per il settore del commercio al dettaglio da parte della Segreteria di Stato dell’economia (SECO). Approvazione che, come anticipato dalla RSI, è giunta il 13 novembre. A breve la decisione della SECO sarà pubblicata sul Foglio ufficiale. A partire dal quel momento partirà il conto alla rovescia per i 30 giorni a disposizione per inoltrare ricorso. Il CCL del settore, ricordiamo, è legato a doppio filo con l’entrata in vigore dei nuovi orari.

Contratto collettivo, però, che aveva fatto parecchio discutere ed era stato molto criticato da parte di UNIA. Dai noi contattato, il segretario regionale del sindacato Giangiorgio Gargantini spiega che la decisone della SECO non è affatto una sorpresa: «Era un passo scontato da parte della SECO, che in giugno aveva già dato il via libera all’obbligatorietà generale del CCL e alla relativa pubblicazione sul Foglio ufficiale ticinese. A quel momento avevamo chiesto di poter accedere alla documentazione, cosa che ci è stata negata. Di conseguenza, non potendoci basare su cifre esatte, anche il nostro ricorso è stato rifiutato. Ci aspettavamo dunque questa conferma definitiva da parte della Segreteria». E sulla possibilità di inoltrare ricorso dopo l’imminente pubblicazione sul Foglio ufficiale Gargantini spiega che «la prima cosa che faremo sarà chiedere di nuovo, per la terza volta, la documentazione relativa ai quorum. In principio dovremmo poter avere l’accesso a questa documentazione. Se invece ci sarà negato nuovamente, faremo immediatamente ricorso. Se invece potremo accedervi, la consulteremo e decideremo quali saranno i passi successivi da intraprendere».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    «Non facciamo come Lugano»

    Assemblea

    Fiorenzo Dadò alla presentazione delle liste PPD per Chiasso ragiona sul futuro del partito: «Se perdiamo un seggio qui e a Lugano, mi chiedo chi avrà ancora voglia di lottare»

  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

    A Giornico lasciano i tre municipali PPD

    IL CASO

    Il sindaco Giovanni Bardelli, in carica da soli due anni, e i colleghi Bruna Bodino e Fulvio Tomasini non saranno in lista alle elezioni del 5 aprile - «È stata una decisione loro», rileva il presidente sezionale Rosolino Bellotti

  • 1
  • 1