Riprende la movida ticinese, ecco come si torna in pista

discoteche

Dopo quasi 4 mesi di stop, da Riazzino a Lugano i club del cantone sono pronti a far ballare il popolo della notte - I locali più capienti saranno divisi in aree che potranno ospitare un massimo di 300 persone - Tracciamento sia in entrata che in uscita

Riprende la movida ticinese, ecco come si torna in pista
Sicurezza e voglia di divertirsi provano a coesistere. © SHUTTERSTOCK

Riprende la movida ticinese, ecco come si torna in pista

Sicurezza e voglia di divertirsi provano a coesistere. © SHUTTERSTOCK

«Dove eravamo rimasti?» questo il nome scelto dalla discoteca Seven di Lugano per la serata che ridarà il via alla sua movida. Dopo quasi 4 mesi di stop, dal 22 giugno possono infatti riaprire le discoteche senza limitazioni d’orario e con un massimo di 1000 persone suddivise in gruppi da 300 per «zona». E se alcuni locali notturni più piccoli avevano già approfittato della possibilità di aprire dalle 21 a mezzanotte prima e poi degli allentamenti orari nelle scorse notti, i più grandi daranno il via alle danze questo weekend.

«C’è entusiasmo nell’aria - ci spiega Sandro Cattaneo, art director e responsabile marketing del Seven - nel lungo periodo in cui siamo stati chiusi la gente non ha mai smesso di domandarci quando avremmo riaperto. L’unico metro di misura per capire quanta gente verrà...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Immatricolazioni ancora giù, ma in Ticino va un po’ meglio

    Mobilità

    Dopo il crollo dovuto alla pandemia il mercato dell’automobile svizzero si sta riprendendo e a luglio la flessione si è fermata all’11% - Nel nostro cantone a giugno e luglio le immatricolazioni hanno invece superato i livelli del 2019

  • 2

    Un mattone al Maglio che potrebbe valere la Super League

    Lugano

    La Lega calcio chiede che si cominci a costruire il nuovo stadio l’anno prossimo, ma potrebbe accontentarsi dell’inizio dei lavori al «Parco dello sport» previsto a Canobbio - Badaracco: «I progetti sono infatti legati a doppio filo»

  • 3

    Attenzione: prima dell’ospedale occorre bonificare

    BELLINZONA

    I terreni sui quali sorgerà entro il 2030 il moderno nosocomio sovraregionale dovranno essere risanati per la presenza dello stand di tiro e, in passato, di una discarica - La cessione dei fondi alla Saleggina al Cantone avverrà con ogni probabilità nei prossimi mesi

  • 4

    Il virus ha aperto il cuore oltre al borsellino

    COMMERCI

    In questa estate post-lockdown gli affari nel Sopraceneri vanno meglio di quanto si potesse sperare - Sia a Bellinzona sia a Locarno i ticinesi e i molti turisti non lesinano nelle spese - Incognite però per i prossimi mesi

  • 5
  • 1
  • 1