Rissa fuori dal Maghetti: nuovo arresto nel Mendrisiotto

Il caso

Un 28.enne albanese in manette - Tra i reati che gli sono addebitati anche il tentato omicidio intenzionale

Rissa fuori dal Maghetti: nuovo arresto nel Mendrisiotto
(Foto Archivio CdT)

Rissa fuori dal Maghetti: nuovo arresto nel Mendrisiotto

(Foto Archivio CdT)

LUGANO - Nuova svolta nel caso della rissa con accoltellamento avvenuta il 21 ottobre 2017 all’esterno del Quartiere Maghetti di Lugano. Lo scorso 10 gennaio poco prima delle 23 a Morbio Inferiore è stato arrestato un 28.enne cittadino albanese residente in Albania. Lo riferiscono in una nota congiunta il Ministero pubblico, la Polizia cantonale e le Guardie di confine. L’uomo, su cui pendeva un mandato d’arresto della Magistratura spiccato a seguito degli accertamenti d’inchiesta della Polizia cantonale, è stato fermato dalle Guardie di confine mentre si trovava a bordo di un’auto con targhe ticinesi. L’inchiesta, coordinata dalla Procuratrice pubblica Margherita Lanzillo, dovrà appurare il suo eventuale coinvolgimento in altri reati avvenuti in precedenza. Gli addebiti ipotizzati nei confronti del 28.enne sono di tentato omicidio intenzionale, aggressione, infrazione alla Legge federale sugli stupefacenti e infrazione alla Legge federale sulle armi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Biciclette da condividere, Mendrisio si alza sui pedali

    mobilità

    Il capoluogo è pronto a investire 900.000 franchi per dotarsi di una rete di bike sharing Così lancia un messaggio agli altri Comuni del distretto che è in ritardo rispetto al resto del Ticino e della Svizzera

  • 2

    Il Pardo miagola, ma i turisti non mancano

    Locarnese

    Alberghi pieni al 90-95% durante la scorsa settimana, malgrado l’edizione ridotta del Film Festival – Il vicepresidente di Hotelleriesuisse Max Perucchi: «Non riusciremo a recuperare la Pasqua, ma sta andando meglio del previsto»

  • 3
  • 4

    «Quanti romandi in vacanza a Lugano»

    Turismo

    Per tenere a galla il settore turistico si faceva affidamento soprattutto sugli svizzerotedeschi, ma a sorprendere gli operatori è stata la risposta, tutt’altro che scontata, dei «cugini» francofoni - Federico Haas: «Ne beneficeremo anche nei prossimi anni» - Prenotazioni in calo per fine agosto: «Ci mancheranno i britannici e gli americani»

  • 5
  • 1
  • 1