Sciopero dei treni in Italia, possibili disagi per i servizi TILO

trasporti

Domenica 24 e lunedì 25 gennaio 2021 è previsto uno sciopero del trasporto ferroviario in territorio italiano, dalle 03.00 di domenica alle 02.00 di lunedì

Sciopero dei treni in Italia, possibili disagi per i servizi TILO
© archivio CdT

Sciopero dei treni in Italia, possibili disagi per i servizi TILO

© archivio CdT

Domenica 24 e lunedì 25 gennaio 2021 è previsto uno sciopero del trasporto ferroviario in territorio italiano, dalle 03.00 di domenica alle 02.00 di lunedì. Per questa ragione i servizi TILO in territorio italiano potranno subire delle limitazioni. I servizi TILO in territorio svizzero non saranno tuttavia coinvolti.

In particolare, potranno essere coinvolte le linee TILO RE10, S10, S30 e S50 dalle 03.00 di domenica alle 02.00 di lunedì. Dato che lo sciopero si svolge durante un giorno festivo le fasce orarie di garanzia non saranno assicurate.

I servizi TILO da/per Malpensa Aeroporto verranno sostituiti con bus tra Stabio e Malpensa Aeroporto in caso di non effettuazione dei treni (senza fermate intermedie).

Essendo ipotizzabili ripercussioni fino a conclusione dell’evento, TILO invita i viaggiatori a prestare attenzione agli annunci nelle stazioni e sui treni, come anche alle informazioni sui monitor delle stazioni.

Maggiori dettagli sono disponibili sul sito trenord.it oppure sull’App Trenord.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Potrebbe servire il fotofinish

    Elezioni comunali

    A Cadempino il PLR spera, visto l’addio del sindaco PPD Marco Lehner, di effettuare uno storico sorpasso - A Lamone i liberali radicali devono difendersi dalla crescita del Gruppo Civico e di Lega/UDC - A Torricella-Taverne è invece il GITT a partire in pole position

  • 2
  • 3

    Tra un «c’è chi sapeva tutto prima» e un «non è vero»

    IL CASO

    Ennesima puntata nella vicenda dei sorpassi di spesa a Bellinzona - Il consigliere comunale UDC Tuto Rossi trasmette ai media le osservazioni finali dell’ex direttore del Settore opere pubbliche, nel frattempo trasferito a nuova funzione - Dal documento emergono incongruenze rispetto a quanto sostenuto dal Municipio - Il sindaco Mario Branda fa chiarezza

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1