«Selvaggina, controlli da rivedere»

L’intervista

Il presidente della Federazione dei cacciatori ticinesi Fabio Regazzi lancia l’assemblea di sabato e avanza una precisa richiesta al Dipartimento del territorio

«Selvaggina, controlli da rivedere»
Il presidente della Federazione Fabio Regazzi. (Foto Archivio CdT)

«Selvaggina, controlli da rivedere»

Il presidente della Federazione Fabio Regazzi. (Foto Archivio CdT)

LUGANO - Predatori protetti, modalità dei prelievi, eventi speciali (in giugno il Ticino sarà ospite d’onore al salone internazionale Passion Nature): per i cacciatori i temi d’attualità non mancano. L’assemblea della Federazione, in agenda sabato ad Airolo, sarà l’occasione per fare il punto della situazione. Ma anche, ci anticipa il presidente Fabio Regazzi, per avanzare una precisa richiesta al Dipartimento del territorio.

È fresca la decisione del Consiglio nazionale tesa ad allentare le condizioni di protezione del lupo. Come replica a chi vi ha definito deputati dal «grilletto facile»?

«Il tema è molto emozionale, ma bisogna avere il coraggio di affrontarlo in modo pragmatico e superando la visione idealizzata della natura e degli animali selvatici. È compito dell’uomo garantire uno sviluppo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Altro che virus e distanze, i partiti son tutti... vicinissimi

    Bellinzona

    La destra che non molla la presa sui sorpassi di spesa e la non ricandidatura di Christian Paglia alle elezioni del 2021 hanno lanciato la campagna - Il PLR con solo un uscente su tre deve difendersi dal PS e da Lega e UDC - Nel mezzo PPD, Verdi e MPS

  • 2

    Prende forma il futuro delle funivie centovalline

    Concorso

    Il progetto «Umbrela» dell’architetto Francesco Buzzi si aggiudica il concorso per la Verdasio-Rasa – Il rinnovo completo delle strutture comporta un investimento di 11,7 milioni di franchi – L’iter rallentato dal coronavirus

  • 3

    «Frontalieri da limitare nel settore sanitario»

    Coronavirus

    Per il gruppo liberale radicale Maristella Polli presenta una mozione volta a potenziare e rendere più attrattiva la professione di infermiere nel nostro cantone - «Nei reparti ospedalieri non venga superata la soglia del 20% di manodopera estera»

  • 4

    A 50 anni dall’ultima corsa della Lugano-Cadro-Dino

    Storia

    Il 30 maggio 1970 veniva smantellata la ferrovia, le cui tracce sono ancora ben visibili sul territorio - L’anniversario è un’ottima occasione per riflettere sul passato e sulla scelta di sopprimere i tram, che ora torneranno a suon di milioni

  • 5

    La strategia di Chiasso per la ripartenza

    Post pandemia

    Chiesto un credito quadro di oltre 2 milioni per contrastare gli effetti negativi del coronavirus e sostenere popolazione ed economia – Tra rilancio digitale e sostegno alle aziende,
    molte le ricette proposte, tra cui una serie di interventi a titolo di investimento per 1,35 milioni di franchi

  • 1
  • 1