«Sempre pronti a potenziare le nostre difese»

maltempo

Con il riscaldamento climatico gli esperti prevedono un aumento delle precipitazioni intense alle nostre latitudini, quindi vien da chiedersi se non sia il caso di potenziare le vasche di contenimento - Ne abbiamo parlato con Christian Tognacca, ingegnere idraulico esperto di pericoli naturali

«Sempre pronti a potenziare le nostre difese»
© Keystone / Davide Agosta

«Sempre pronti a potenziare le nostre difese»

© Keystone / Davide Agosta

Ad osservarle con occhio distratto in una giornata di bel tempo, qualcuno potrebbe chiedersi se è proprio necessario interrompere il corso di un ruscello con delle costruzioni di cemento così brutte e ingombranti. La risposta è nelle cronache di questi giorni. Parliamo delle vasche di contenimento: opere preziose per arginare le colate di fango e detriti. O meglio, per cercare di arginare, perché almeno in due occasioni, nelle ultime ore, le vasche sono state superate dall’impeto della natura. È successo lunedì a Bissone, per «mano» della frana che ha colpito la parte alta di via ai Ronchi, e ieri nella zona di San Martino, dove diversi metri cubi di materiale si sono riversati sulla strada. In altre zone del cantone è andata meglio, come a Capolago, dove le «ove» appena costruite hanno protetto...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    A Lugano sei referendum in 75 anni: ecco com’è andata

    Verso il voto sul PSE

    Dal 1946 a oggi i Luganesi hanno bocciato quattro volte le scelte della politica, confermandole però in due occasioni - Respinte invece due iniziative popolari - L’ultima volta alle urne un decennio fa, per la rinaturazione della Foce

  • 2

    Litigi in Municipio e maretta anche a scuola

    Torricella-Taverne

    I dissidi interni all’Esecutivo sarebbero riconducibili anche a problemi avvenuti alle Elementari, dove un docente è stato lasciato a casa suscitando il malumore di alcuni genitori: «Sono stato allontanato a causa delle frizioni con la direzione»

  • 3

    Addio a polvere e sbadigli: una marcia in più per i musei

    Aria nuova

    Prosegue la metamorfosi degli spazi culturali comunali di Locarno trasformati in luoghi interattivi e didattici proponendo fra l’altro percorsi pensati apposta per i più piccoli – Nancy Lunghi: «Per coinvolgere i giovani vorremmo puntare anche sulla street art»

  • 4
  • 5

    L’influenza sta tornando

    salute

    Grazie alle misure di protezione e di distanziamento messe in campo contro la pandemia da coronavirus, sembrava essere sparita - Giorgio Merlani: «Probabilmente farà la sua ricomparsa, ma forse in modo meno pesante di prima» - L’appello, per le persone fragili, è a vaccinarsi

  • 1
  • 1