Sherpa dei rifiuti cercansi

MONTAGNA

Per la stagione 2019 in sei capanne ticinesi ogni visitatore avrà la possibilità di dare un contributo a favore dell’ambiente

Sherpa dei rifiuti cercansi
Foto archivio CdT

Sherpa dei rifiuti cercansi

Foto archivio CdT

BELLINZONA - Andate spesso in montagna e volete dare il vostro contributo a favore dell’ambiente? Allora il «progetto Sherpa» è quello che fa per voi! Infatti, nonostante gli sforzi per evitare gli sprechi alimentari e l’usa e getta, i rifiuti sono inevitabili, e per la stagione 2019 sei capanne ticinesi depositeranno dei sacchetti di rifiuti in appositi espositori, permettendo a tutti coloro che si recheranno in alta quota di prenderne qualcuno per portarlo a valle. In questo modo i volontari non solo potranno aiutare i capanatt a non accumulare rifiuti e a garantirne il corretto smaltimento, ma diminuiranno anche i costi ambientali generati dal trasporto in elicottero.

L’iniziativa - nata in ambito del progetto «Territorio e Montagne Pulite» del Dipartimento del territorio - nel 2018 aveva potuto avvalersi di ben 300 volontari, ma quest’anno si è deciso di chiedere l’aiuto di tutti gli escursionisti disposti a dare una mano per mantenere pulite le vette.

Ad aderire al progetto sono state le Capanne Monte Tamaro (Unione Ticinese Operai Escursionisti, UTOE), Adula (UTOE), Bovarina (UTOE), Monte Bar (Club Alpino Svizzero-Sezione Ticino), Cornavosa (Società Escursionistica Verzaschese) e Scaletta (Società Alpinistica Ticinese-Sezione Lucomagno).

Inoltre, compilando il guest book, sarà possibile partecipare all’estrazione di tanti premi. Per l’edizione 2019 il primo premio è una bicicletta Merida City/Trekking Crossway 500 offerta da Merida Bike, del valore di CHF 1190.-. L'estrazione dei vincitori è prevista per lunedì 25 novembre 2019.

Il progetto Sherpa nasce nell’ambito del progetto Territorio e Montagne Pulite, realizzato dal Dipartimento del territorio in collaborazione con l’Azienda Cantonale Rifiuti (ACR), la Federazione Alpinistica Ticinese (FAT) e con il Club Alpino Svizzero-Sezione Ticino. “Sherpa” è inoltre sostenuto da diversi partner locali.

Per maggiori informazioni consultare la pagina www.montagnepulite.ch.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    La Città dai piedi di argilla e le sue paure

    FINANZE

    Bellinzona, via libera del Legislativo al consuntivo 2020 chiusosi con un disavanzo di 6,95 milioni di franchi - Le critiche sono giunte da tutti gli schieramenti politici, preoccupati per il futuro tutt’altro che roseo - Il sindaco Mario Branda: «Siamo chiamati a reinventarci»

  • 2

    Quando l’Alzheimer si impossessa della mente e ti ruba le parole

    LA STORIA

    Alain Vetterli è molto giovane quando compaiono i primi segnali, che attribuisce allo stress – La demenza, poi, gli sconvolge la vita: gli annebbia la mente e ingabbia le parole in una nuvola, che lascia sospese a mezz’aria – Oggi, 21 settembre, è la Giornata mondiale dell’Alzheimer

  • 3

    Il DFE convoca le parti sociali, mentre AITI sceglie la cautela

    salario minimo

    In attesa del dibattito parlamentare gli industriali prendono posizione con una nota rivolta ai soci - Il padronato esprime comprensione per le aziende in difficoltà ma è consapevole che l’economia va in un’altra direzione - Giovedì prossimo il vertice voluto da Christian Vitta con l’obiettivo di trovare un orientamento comune sull’applicazione della legge

  • 4

    La grande storia della porta seclera di Massagno

    Solidarietà

    Nel 1990 il Comune inviò a Ghipes in Romania 85 quintali di vestiti, cibo e medicinali raccolti in una settimana nell’ambito di un’operazione umanitaria - Fu un viaggio avventuroso: «Ci spararono contro» - Nel 1993 dal villaggio arrivò in dono l’opera lignea che è stata restaurata di recente

  • 5

    Liceo di Bellinzona provvisorio, «si rischia un inferno»

    Scuole

    La soluzione dei prefabbricati in cui si traslocherà durante il cantiere della ristrutturazione preoccupa il Comitato degli studenti che chiede al Gran Consiglio di riflettere bene prima di decidere: «Problemi strutturali di grandissima rilevanza, non ci sarà spazio sufficiente»

  • 1
  • 1