Sì alla stretta sulle naturalizzazioni

Politica

Il Gran Consiglio ha dato luce verde alla modifica di legge per inserire nella legge il criterio di rimborso delle prestazioni assistenziali percepite negli ultimi 10 anni per poter ottenere la cittadinanza svizzera

Sì alla stretta sulle naturalizzazioni

Sì alla stretta sulle naturalizzazioni

Dopo l’approvazione, un anno fa, dell’iniziativa parlamentare generica dall’allora deputato leghista Nicholas Marioli (poi ripresa dai colleghi Omar Balli e Sem Genini per la Lega) che chiedeva l’inserimento del criterio di rimborso delle prestazioni assistenziali percepite negli ultimi 10 anni per poter ottenere la cittadinanza svizzera, il Gran Consiglio oggi ha dato luce verde anche alla relativa modifica della Legge sulla cittadinanza ticinese. Come avvenuto in occasione del dibattito dello scorso anno, anche in questo caso il tema ha diviso la destra (Lega, UDC, quasi tutto il PLR e buona parte del PPD) e la sinistra dell’emiciclo (PS, Verdi, MPS e PC). Alla fine, però, con 49 voti favorevoli e 28 contrari il Legislativo cantonale ha approvato la modifica di Legge.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Nuovo presidente per gli imprenditori forestali

    Assemblea

    Eletto Cristiano Triulzi in sostituzione di Walter Schick che ha lasciato dopo numerosi anni - Sottolineata l’importanza del settore del legno nella prevenzione dei pericoli naturali

  • 2

    Traffico ai valichi di confine, scattano i rilevamenti

    Territorio

    L’obiettivo è raccogliere dati precisi sul traffico veicolare in entrata e sulle abitudini di mobilità dei conducenti, verranno inoltre misurati gli effetti della crisi sanitaria e delle relative misure di contenimento

  • 3

    La Città dai piedi di argilla e le sue paure

    FINANZE

    Bellinzona, via libera del Legislativo al consuntivo 2020 chiusosi con un disavanzo di 6,95 milioni di franchi - Le critiche sono giunte da tutti gli schieramenti politici, preoccupati per il futuro tutt’altro che roseo - Il sindaco Mario Branda: «Siamo chiamati a reinventarci»

  • 4

    Quando l’Alzheimer si impossessa della mente e ti ruba le parole

    LA STORIA

    Alain Vetterli è molto giovane quando compaiono i primi segnali, che attribuisce allo stress – La demenza, poi, gli sconvolge la vita: gli annebbia la mente e ingabbia le parole in una nuvola, che lascia sospesa a mezz’aria – Oggi, 21 settembre, è la Giornata mondiale dell’Alzheimer

  • 5

    Il DFE convoca le parti sociali, mentre AITI sceglie la cautela

    salario minimo

    In attesa del dibattito parlamentare gli industriali prendono posizione con una nota rivolta ai soci - Il padronato esprime comprensione per le aziende in difficoltà ma è consapevole che l’economia va in un’altra direzione - Giovedì prossimo il vertice voluto da Christian Vitta con l’obiettivo di trovare un orientamento comune sull’applicazione della legge

  • 1
  • 1