Si brinda con birra e vino, ma non con la vodka

Politico

Il Gran Consiglio ha approvato il compromesso che va a smussare il divieto serale di vendita degli alcolici nelle stazioni di servizio

Si brinda con birra e vino, ma non con la vodka
© CdT/Archivio

Si brinda con birra e vino, ma non con la vodka

© CdT/Archivio

Sì, il divieto di vendita serale per gli alcolici nelle stazioni di benzina sarà «smussato»: in futuro si potranno acquistare i prodotti «fermentati» (ad esempio birra e vino), ma non quelli distillati (come la vodka). È quanto ha deciso il Parlamento cantonale questa sera approvando - con 42 voti favorevoli, 29 contrari e 3 astenuti - il rapporto di maggioranza della Commissione economia e lavoro redatto dal liberale radicale Alessandro Speziali. L’idea di togliere il divieto entrato in vigore il 1. gennaio 2020 (e che aveva sorpreso un po’ tutti) è nata da un’iniziativa dei deputati Fabio Käppeli (PLR) e Andrea Censi (Lega) tramite la quale avevano chiesto, in buona sostanza, di eliminarlo. Quanto deciso oggi dal Legislativo cantonale, invece, è un compromesso tra lo status quo e l’abrogazione. Il divieto di vendita serale per gli alcolici nelle stazioni di servizio (dalle 19 dal lunedì al venerdì, dopo le 21 il giovedì e dopo le 18 nel fine settimana) rimarrà dunque in vigore solo per i prodotti distillati.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2

    Bertoli: «Berna è stata coerente: prima le vaccinazioni, poi le aperture»

    nuovi allentamenti

    Il presidente del Consiglio di Stato accoglie con soddisfazione le nuove misure di alleggerimento annunciate dal Consiglio federale e sottolinea la necessità di continuare a porre l’accento sulle vaccinazioni: «Procedere in questo modo permette di non fare il passo più lungo della gamba e al contempo fornire una prospettiva a tutta la società»

  • 3

    «Da una parte si apre, dall’altra rimane il telelavoro»

    Pandemia

    Il direttore della Camera di commercio Luca Albertoni esprime dubbi sulle misure messe in consultazione dal Consiglio federale: «Poche aziende fanno i test regolari, dunque rimarrà l’obbligo di smart working: ora si guarda ai vaccini»

  • 4

    «Ogni giorno conta: non prolunghiamo l’agonia dei ristoranti»

    La reazione

    Il presidente di GastroTicino Massimo Suter commenta le decisioni del Consiglio federale in merito alla riapertura dei locali interni dei ristoranti a fine maggio: «Perché non già a Pentecoste?» - Posizione simile quella di GastroSuisse, che esprime comunque «sollievo» per la notizia

  • 5

    Trasportava troppa panna, multato un camionista

    Ticino

    Il veicolo era transitato dal San Gottardo con 19 tonnellate di bombolette aerosol contenenti panna alimentare, ma la quantità massima ammessa per transitare con questo tipo di merce nella galleria è di 8 tonnellate

  • 1
  • 1