Lutto

Si è spenta Renata Broggini

La storica scrittrice ticinese era originaria di Losone - Appassionata e curiosa, ha fatto della storia e della conoscenza un mestiere

Si è spenta Renata Broggini
La scrittrice era interessata in particolare al periodo della Seconda guerra mondiale, ricercando le vicende legate ai profughi italiani in Svizzera e al passaggio degli ebrei attraverso i valichi ticinesi.

Si è spenta Renata Broggini

La scrittrice era interessata in particolare al periodo della Seconda guerra mondiale, ricercando le vicende legate ai profughi italiani in Svizzera e al passaggio degli ebrei attraverso i valichi ticinesi.

Locarno - Si è spenta la scorsa notte la storica e scrittrice ticinese Renata Broggini. Originaria di Losone, nata a Locarno il 25 novembre 1932, sorella dello storico Romano, dopo la formazione alla Scuola Magistrale di Locarno, si è laureata all’università di Pavia nel 1975 con una tesi dal titolo Momenti del pensiero politico italiano: il foglio “Libertà”, Bellinzona 1944-1945. Da sempre appassionata e curiosa, ha fatto della storia e della conoscenza un mestiere. Si è interessata in particolare al periodo della Seconda guerra mondiale, ricercando le vicende legate ai profughi italiani in Svizzera e al passaggio degli ebrei attraverso i valichi ticinesi.

Ha scritto e curato numerose pubblicazioni: Terra d’asilo. I rifugiati italiani in Svizzera 1943-1945 (il Mulino, 1993), La frontiera della speranza. Gli ebrei dall’Italia verso la Svizzera 1943-1945 (Mondadori, 1998), Passaggio in Svizzera. L’anno nascosto di Indro Montanelli 1944-1945 (Feltrinelli, 2007).

Si è occupata anche della figura di Franco Brenni, con il volume Franco Brenni – Un diplomatico ticinese nelle sfide del XX secolo (Hoepli, 2013). O ancora ha raccolto e curato l’edizione degli scritti politici del filologo Gianfranco Contini in Pagine ticinesi di Gianfranco Contini (Salvioni, Bellinzona 1986) e ha curato il volume Eugenio Balzan (1874-1953): una vita per il “Corriere”, un progetto per l’umanità (RCS Libri, 2001).

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2
    Lugano

    Aspettando che sboccino i fiori

    Viaggio semiserio nell’oasi primaverile di Flora&Bosco - Tra motoseghe supersoniche e animali da giardino, le orchidee primeggiano (ancora)

  • 3
    CASTIONE

    Dopo le Officine spunta il «Campus Artisa»

    La società intende creare un centro di eccellenza per produzioni altamente tecnologiche in campo medico/farmaceutico, ma c’è il problema del nuovo sito industriale con il quale va a «intersecarsi» - Berna: «Vigileremo»

  • 4
    Progetto Alto Vedeggio

    Il PAV si può fare ma va affinato e condiviso

    Lo studio preliminare per la copertura dell’autostrada con degli inerti incassa il sostegno del Cantone, ma Zali ha sostenuto che serve il supporto di tutta la popolazione per realizzarlo.

  • 5
  • 1