LUTTO

Si è spento Antonio Snider

L’avvocato e notaio aveva 96 anni - Fu deputato in Gran Consiglio per il PPD tra il 1955 e il 1971

Si è spento Antonio Snider
(Foto archivio CdT)

Si è spento Antonio Snider

(Foto archivio CdT)

Si è spento questa notte, alla Clinica Varini di Orselina, all’età di 96 anni, l’avvocato e notaio locarnese Antonio Snider. Figura di spicco della politica ticinese è stato deputato in Gran Consiglio dal 1955 al 1971 nelle fila del PPD e presidente del Gran Consiglio nel 1968-1969.

Durante la sua permanenza in Gran Consiglio, Snider si era occupato della nuova Legge sulla scuola entrata in vigore alla fine degli anni ’50 e si era impegnato per la formazione politica delle donne. Aveva anche ricoperto la funzione di municipale a Verscio tra il 1968 e il 1972.

Fu tra i promotori della realizzazione della Clinica Varini di Orselina, di cui divenne presidente del CdA, mentre nel 1974 assunse la carica di presidente di Amnesty International, sezione Ticino.

La cerimonia funebre si terrà sabato 22 giugno alle 9.30 nella Collegiata di Sant'Antonio a Locarno.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Ticino
  • 1
    Mendrisiotto

    Laveggio: il parco si completa come un puzzle

    È un momento cruciale per il progetto che mira alla realizzazione di un parco ubrano tra Riva e Stabio - «Sarebbe bello se i Comuni coinvolti si coordinassero di più»

  • 2
    speciale

    Lugano: ecco cosa vorrei in città

    Dal sindaco alla studentessa universitaria, passando per il dirigente dell’Hockey Club Lugano: cinque personalità differenti ci raccontano cosa, secondo loro, manca in città

  • 3
    Meteo

    Un intenso colpo di coda dell’estate

    Le temperature di settembre, malgrado un inizio quasi invernale, sono superiori alla media - È però finalmente in arrivo un po’ d’aria fresca, ma la situazione in montagna preoccupa

  • 4
  • 5
    TICINO

    L’estremismo dietro le sbarre

    Ecco come fanno gli agenti di custodia a prevenire la radicalizzazione dei detenuti - Il direttore delle carceri Laffranchini: «È un fenomeno sotto controllo, ma restiamo vigili»

  • 1