Si torna allo stadio, ecco come

Ticino

Domenica riparte il campionato di calcio e per assistere alle partite sarà necessario esibire il certificato COVID – Campana: «Il concetto non è ancora assimilato» – Alcune farmacie hanno rilasciato attestati non validi al posto di quelli ufficiali con il codice QR

Si torna allo stadio, ecco come
© CdT/Putzu

Si torna allo stadio, ecco come

© CdT/Putzu

Il conto alla rovescia è cominciato. Domenica prossima il Lugano ospiterà a Cornaredo lo Zurigo. Una prima di campionato che dal profilo organizzativo presenta ancora diversi punti interrogativi. Il campanello d’allarme, per così dire, è suonato nell’amichevole di sabato sera contro l’Inter.

«È stata una prova generale importantissima per testare la macchina e per capire che sul fronte dei controlli sanitari regna ancora parecchia confusione». A parlare è il direttore generale del Lugano calcio Michele Campana. La novità principale, per questo avvio di campionato, è il certificato COVID, condizione inderogabile posta dalla Confederazione per tutte le manifestazioni sportive e culturali con più di 1000 persone. Tutto chiaro? Mica tanto. «Il concetto, per una parte della popolazione, presenta...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Teatro e Musei sotto esame a Bellinzona

    Cultura

    La minoranza della Commissione della Gestione, formata da Lega e UDC, chiede un approccio maggiormente dinamico e trasparente nella conduzione operativa dei due enti autonomi

  • 2

    Le direttive del pg verranno pubblicate

    giustizia

    In futuro, documenti quali istruzioni, regolamenti di servizio e circolari saranno resi accessibili «ponderando gli interessi pubblici e privati» e in base alla competenza discrezionale del Ministero pubblico – Una richiesta in tal senso era stata avanzata in una mozione del PLR

  • 3

    I segreti dell’ex asilo Ciani

    Lugano

    A metter mano agli edifici storici non mancano le sorprese, o i grattacapi: non fa eccezione l’ex asilo Ciani, che la Città sta ristrutturando ormai da qualche tempo - Coinvolto l’Ufficio dei beni culturali per decidere il colore delle facciate, e ora c’è da rinforzare un lucernario molto particolare

  • 4
  • 5

    Promessa mantenuta: il negozietto riapre

    Castel San Pietro

    Il commercio in centro paese chiuso all’improvviso a inizio maggio riprende l’attività lunedì - Il Comune reputa il servizio indispensabile e si è adoperato per trovare dei nuovi gerenti - La sindaca Alessia Ponti: «Questa è anche una sorta di promessa sociale alla comunità»

  • 1
  • 1