SUPSI e Inspire AG lavorano insieme sui processi di produzione intelligenti

Innovazione

La decisione di puntare su queste tecnologie, che affrontano cambiamenti importanti in tutto il mondo, contribuisce al rafforzamento dei rapporti tra Ticino e Zurigo ed è stata accolta positivamente anche dal Dipartimento delle finanze e dell’economia

SUPSI e Inspire AG lavorano insieme sui processi di produzione intelligenti
© CDT/CHIARA ZOCCHETTI

SUPSI e Inspire AG lavorano insieme sui processi di produzione intelligenti

© CDT/CHIARA ZOCCHETTI

La SUPSI, e più precisamente il Dipartimento tecnologie innovative, e Inspire AG, struttura svizzera per il trasferimento tecnologico all’industria MEM partecipata dal Politecnico federale di Zurigo (ETHZ), hanno stretto un accordo nel campo dei processi di produzione intelligenti.

Le due istituzioni si sono infatti unite per costituire un gruppo di ricerca comune attivo anche presso la sede di Manno della SUPSI che si focalizzerà sulla ricerca applicata e sul trasferimento tecnologico alle aziende in vari ambiti tra cui manifattura additiva e digitalizzazione dei sistemi di produzione.

«Le tecnologie di produzione stanno affrontando cambiamenti importanti in tutto il mondo. Nuove tecniche dirompenti come la manifattura additiva (additive manufacturing) e la digitalizzazione nel settore industriale (industria 4.0) porteranno a innovazioni rivoluzionarie nei processi di produzione e nella realizzazione di prodotti. Il Dipartimento tecnologie innovative della SUPSI e inspire AG occupano una posizione di primo piano nel panorama svizzero della ricerca applicata in tale ambito», si legge in una nota.

Al fine di supportare l’industria elvetica con soluzioni avanzate volte ad affrontare i grandi cambiamenti ed in particolare le sfide derivanti dalla digitalizzazione e dall’introduzione di nuovi processi di produzione, le due istituzioni hanno deciso di incrementare le proprie sinergie costituendo un gruppo di ricerca congiunto nel settore dei processi di produzione intelligenti.

«L’accordo contribuisce al rafforzamento dei rapporti sull’asse nord-sud ed in particolare tra il Cantone Ticino e Zurigo - si legge nel comunicato della SUPSI - una delle aree metropolitane più importanti e competitive al mondo. Anche il Dipartimento delle finanze e dell’economia (DFE) ha salutato positivamente l’intesa poiché, come spiegato da Stefano Rizzi, Direttore della Divisione dell’economia del DFE: “La collaborazione fra il DTI della SUPSI ed inspire dell’ETHZ nel settore dei sistemi di produzione ben s’inserisce nella strategia cantonale di intensificazione della collaborazione sull’asse Ticino-Zurigo. Quest’ultima, iniziata con l’adesione alla Greater Zurich Area a inizio 2019, si sta ulteriormente rafforzando grazie alla candidatura ticinese allo Switzerland Innovation Park (SIP) quale sito associato a quello di Zurigo. Questa nuova collaborazione della SUPSI, inoltre, permette di rafforzare ulteriormente la posizione di rilevanza sul piano nazionale e internazionale del Cantone Ticino che, secondo il Regional Innovation Scoreboard 2019, si situa al secondo posto dopo Zurigo tra 238 regioni europee in termini di innovazione”».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1