Sussidi di cassa malati, il sistema (per ora) non va cambiato

Sanità

Secondo la maggioranza del Parlamento il modello di riduzione dei premi attualmente in vigore almeno per il momento non va rivisto

Sussidi di cassa malati, il sistema (per ora) non va cambiato
© CdT/ Chiara Zocchetti

Sussidi di cassa malati, il sistema (per ora) non va cambiato

© CdT/ Chiara Zocchetti

Il tema dei crescenti costi della salute è da anni al centro delle preoccupazioni della popolazione. Non a caso la politica, legislatura dopo legislatura, ha cercato più volte di modificare il sistema per ridurre il «peso» che i premi di cassa malati hanno sul portafoglio dei cittadini. Almeno per il momento, però, il sistema di sussidi in vigore nel nostro cantone non va modificato. È quanto ha deciso il Gran Consiglio approvando praticamente all’unanimità il rapporto della Commissione sanità e sicurezza sociale (relatore il liberale radicale Matteo Quadranti) relativo ad alcuni messaggi governativi e atti parlamentari sulla Legge sulle assicurazioni malattie.

«Si tratta di una tematica molto complessa», ha premesso Quadranti illustrando i contenuti del lungo rapporto nel quale sono riassunti...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Ma torneremo davvero a fare baldoria?

    L’intervista

    L’avanzare delle vaccinazioni e gli allentamenti annunciati da molti Paesi ci stanno spingendo lontano dalla pandemia e, di riflesso, verso l’agognata normalità – Ma quando tutto sarà finito faremo festa più di prima? Ne parliamo con Mauro Capocci, Dottore di ricerca nonché docente di storia della medicina e storia della scienza all’Università di Pisa

  • 2

    «Personale motivato e incentivato»

    TURRITA

    Bellinzona, il Municipio fa chiarezza in merito all’amministrazione comunale per quanto riguarda in particolare i trasferimenti interni e l’assunzione di nuove funzioni in seno alla Città

  • 3
  • 4

    Bertoli: «Berna è stata coerente: prima le vaccinazioni, poi le aperture»

    nuovi allentamenti

    Il presidente del Consiglio di Stato accoglie con soddisfazione le nuove misure di alleggerimento annunciate dal Consiglio federale e sottolinea la necessità di continuare a porre l’accento sulle vaccinazioni: «Procedere in questo modo permette di non fare il passo più lungo della gamba e al contempo fornire una prospettiva a tutta la società»

  • 5

    «Da una parte si apre, dall’altra rimane il telelavoro»

    Pandemia

    Il direttore della Camera di commercio Luca Albertoni esprime dubbi sulle misure messe in consultazione dal Consiglio federale: «Poche aziende fanno i test regolari, dunque rimarrà l’obbligo di smart working: ora si guarda ai vaccini»

  • 1
  • 1